La “Guerra” tra Piattaforme Social, e il Crollo dei Download di TikTok

Come certamente ricorderete dal 29 Giugno scorso il Governo indiano ha bannato 59 app cinesi, tra le quali TikTok che ha proprio in India il maggior numero di utenti.

Ebbene, stando ai dati di AppFigures, piattaforma di analisi per monitorare il mercato delle app, gli effetti non hanno tardato a farsi sentire sin da subito con un crollo dei download sin dal primo giorno.

Dalla data del blocco della piattaforma in India i download su App Store e Google Play complessivamente sono calati di un milione al giorno. Tutti i giorni.

Per cercare di sfruttare l’occasione, Facebook ha lanciato in India, dall’inizio di Luglio, Instagram Reels, la sua risposta a TikTok. E conferma che lancerà Instagram Reels negli USA, UK, Giappone, Messico e 50 altri Paesi nelle prossime settimane, anche se pare che, in particolare i giovanissimi, che sono di gran lunga il segmento di popolazione maggiormente presente su TikTok, preferiscano Byte, app di video della durata di soli sei secondi lanciata ad inizio 2020, mentre i tre principali contendenti, Roposo, Zili e Dubsmash, hanno visto complessivamente le installazioni per la prima volta crescere del 155% nelle tre settimane successive alla rimozione di TikTok rispetto allo stesso periodo prima del suo divieto.

alternative tiktok

Tra le altre cose, sempre all’inizio di Luglio, Facebook aveva chiuso definitivamente Lasso, app lanciata un anno e mezzo fa proprio per sfidare TikTok, che però non è mai decollata, e aveva numeri che erano troppo bassi persino per essere rilevati da AppAnnie.  Non è detto dunque che Instagram Reels abbia per forza successo, anche se Facebook pare maggiormente determinato a supportarla rispetto a quanto fatto a sostegno di Lasso.

Al tempo stesso, negli Stati Uniti Trump da settimane minaccia altrettanto di bannare TikTok, dopo che i “tiktokers” gli avevano giocato un brutto scherzo, e all’inizio di questa settimana la Camera statunitense ha votato per impedire ai dipendenti federali di scaricare l’app di condivisione video TikTok su dispositivi emessi dal governo nell’ambito di una legge sulla politica di difesa.

Cosa che se avvenisse effettivamente sarebbe un grave danno per la piattaforma cinese di video, che negli USA nel 2020 dovrebbe arrivare a 500 milioni di dollari di ricavi, dopo aver effettuato investimenti pubblicitari molto elevati per posizionarsi come competitor di Facebook negli Stati Uniti.

Non a caso TikTok, per scongiurare il pericolo, da un lato ha annunciato di voler assumere 10mila persone negli USA nel prossimo triennio e, dall’altro lato ha rapidamente aumentato il lobbismo negli Stati Uniti, assumendo oltre 35 lobbisti, uno con legami profondi con Trump, che hanno tenuto più di 50 incontri negli ultimi 3 mesi. Azioni di lobbismo sulle quali anche gli altri OTT investono pesantemente, con Amazon e Facebook che hanno speso rispettivamente 4.38 e 4.83 milioni di dollari allo scopo.

Insomma, vista dalla nostra prospettiva, quella che viene presentata come una battaglia per la sicurezza militare degli Stati, e la tutela dei dati delle persone, in realtà ha tutta l’aria di essere una guerra per il predominio dei social da parte delle diverse piattaforme. Forse si può spiegare anche in questo modo l’atteggiamento “morbido” di Facebook nei confronti di Trump, contrariamente ai provvedimenti presi invece da Twitter, anche se naturalmente Zuckerberg nega.

crollo dowload tiktok

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.