Boom dell’Audience Video

Se, come abbiamo documentato, vola l’audience dei contenuti testuali, non sono da meno le performance video. Stando ai dati Audiweb è infatti impetuosa anche la crescita dell’audience di coloro che hanno fruito di video nei siti dei pricipali newsbrand del nostro Paese.

Complessivamente, rispetto ai dati della settimana precedente già di per sé molto sostenuta, tra il 9 e il 15 Marzo il consumo dei contenuti video degli editori iscritti ad Audiweb ha visto un aumento medio del 40.2%.

Se già questo è un chiaro indicatore, dai dati diffusi emergono diversi motivi d’Interesse. In primis, Fanpage, che nel segmento video ha sempre avuto la leadership tra i publisher di quotidiani, pur crescendo non è più il primo sito per audience video.

La miglior performance in termini di incremento percentuale, e di continuità di crescita, è per Il Sole24Ore che nella settimana che va dal 9 al 15 Marzo vede crescere l’audience video del 472%, passando dai circa 875mila utenti della media delle settimane dal 20 Gennaio al 16 Febbraio a oltre 5 milioni.

Strabiliante anche la performance de La7 che nella settimana dal 2 al 8 Marzo conquista la leadership balzando a oltre 6..6 milioni di utenti unici, ed anche nella settimana successiva si mantiene su valori circa doppi rispetto alla media delle settimane dal 20 Gennaio al 16 Febbraio.

Balzo di La 7 che pare sia legato ad alcuni video pubblicati in quei giorni che hanno generato molte condivisioni. In particolare è il video trasmesso da Piazza Pulita, che stando ai dati di Crowdtangle su Facebook ha ottenuto più di 215mila condivisioni, circa 136mila commenti, ed attorno a 1.5 milioni tra “mi piace” e le altre reaction, a ottenere una performance davvero esplosiva, e generando un impatto sulla distribuzione demografica del [news]brand nel suo insieme per i dati video, con le donne che passano da una quota del 39.1% al 57.5%.

Anche se l’audience di La7, come [di]mostrano i dati, è in crescita in tutte le fasce d’età sia maschili che femminili, il maggior contributo alla crescita arriva dalle donne e in particolare nella fascia 30-54 che fanno segnare le percentuali di crescita più rilevanti. Pare dunque che in questo caso si sia capovolta la base utenti, che se nel periodo “normale” era principalmente di uomini, per questo tipo di contenuti riesce ad attrarre molte più donne fino a scavalcare la quota maschile.

Infine, forte crescita di audience video anche per TgCom24, mentre invece il Fatto Quotidiano è la testata, che pur crescendo, meno approfitta della fame di contenuti video da parte delle persone. Fame che naturalmente, come conferma il caso de La7, è fortemente orientata ai contenuti informativi, naturalmente prevalentemente legati alla pademia in corso, e non di intrattenimento. Non si spiega in altro modo la crescita relativamente contenuta sia di RaiPlay che di MediasetPlay.

L’infografica sottostante fornisce il dettaglio degli undici “top newsbrand” per audience settimanale video.

[clicca per ingrandire]

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.