DigitalMente

“DigitalMente”, rubrica settimanale che ogni Venerdì prova a fornire spunti e appunti su digitale e dintorni per riflettere a tutto campo su innovazione e digitale. Oggi abbiamo scelto di parlare dell’utilizzo di Internet a fini culturali, focalizzandoci su coloro che acquistano online libri, riviste, e giornali, nella UE28.

Eurostat ha infatti pubblicato in questi giorni i dati relativi alla partecipazione culturale online, dai quali abbiamo, appunto, estrapolato quelli relativi all’acquisto di libri, riviste, e giornali.

Complessivamente emerge come nel 2018, il 72% degli utenti di Internet nell’UE28 ha guardato la TV o i video in streaming su Internet, il 56% degli utenti di Internet nell’UE28 ha utilizzato Internet per ascoltare musica [web radio o servizi di streaming], mentre solamente poco più di un quinto, il 22%, degli utenti di Internet nell’UE28 ha acquistato libri, riviste e giornali online, in calo dal 24% del 2013.

Rispetto alla media generale dei 28 Paesi della UE, nel 2018 almeno un terzo di tutti gli utenti di Internet in Germania, Regno Unito, Paesi Bassi e Svezia hanno effettuato acquisti online di questi prodotti; si noti che la percentuale di utenti di Internet che ha effettuato tali acquisti in Germania e nel Regno Unito era inferiore nel 2018 rispetto al 2013. In Romania, Cipro, Lettonia, Croazia e Bulgaria, non più del 5% di tutti gli utenti di Internet nel 2018 ha effettuato online acquisti di libri, riviste e giornali.

In questo quadro generale, il nostro Paese, ancora una volta, si posiziona nella parte bassa della classifica con solamente il 12% degli italiani che nel 2018 ha acquistato online libri, riviste e giornali [era 10% nel 2013]. Una distanza di ben dieci punti percentuali [- 45.4%] rispetto alla media europea, ed ancora maggiore rispetto a nazioni confinanti quali Austria e Germania.

Se a questo aggiungiamo che, sempre secondo Eurostat, l’Italia è addirittura ultima nella UE28 per la lettura di news online, il quadro si completa rendendo molto improbabili, diciamo, le ambizioni di alcuni publisher di valorizzare, e monetizzare, i propri contenuti giornalistici online.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.