DigitalMente

“DigitalMente”, rubrica settimanale che ogni Venerdì prova a fornire spunti e appunti su digitale e dintorni per riflettere a tutto campo su innovazione e digitale. Oggi abbiamo scelto di parlare del Festival Internazionale del Giornalismo, in corso a Perugia in questi giorni.

In particolare, come ogni anno da diverso tempo a questa parte, ci focalizziamo sull’analisi [*] delle conversazioni online/sui social relative al hashtag della manifestazione: #IJF19. Sono stati monitorati Twitter, Instagram, Facebook, siti di notizie online, blog, e quotidiani online, dal giorno prima dell’avvio della manifestazione alla mezzanotte di ieri.

Complessivamente sono state 6.800 le citazioni di #IJF19 da parte di 2.505 autori unici, i cui contenuti hanno coinvolto [like / condivisioni / commenti] 30.276 persone. La portata potenziale di tale volumi di conversazioni, le “opportunity to be seen“, è stata di 492.6 milioni, per una reach effettiva stimata di 17.2 milioni di impression. Naturalmente il trend è di forte crescita rispetto alla prima giornata, con un volume di conversazioni, e numero di autori unici, che ieri 4 Aprile sono state circa il triplo del 3 Aprile.

Anche se la maggior parte delle citazioni, in termini quantitativi, sono su Twitter, e non potrebbe essere altrimenti dato che, come sappiamo, si tratta della piattaforma social prediletta da giornalisti e opinion maker, è su Instagram che si sviluppa il maggior engagement, con, al top, un bellissimo scatto, che ottiene 2.363 like e 93 commenti.

[clicca per ingrandire]

I quotidiani online sono quelli dove si parla meglio, ma anche peggio, del Festival Internazionale del Giornalismo, con un sentiment che è positivo nel 17.7% dei casi, e negativo per l’8.7% delle volte, con polemiche tanto strumentali quanto superficiali, ad essere generosi, sulla presenza di Google e Facebook come sponsor della manifestazione, subito rispedite al mittente, giustamente, dalla fondatrice dell’International Journalism Festival: Arianna Ciccone.

L’autore più attivo è stato, sin ora, l’account Twitter del Festival, che è stato anche il più autorevole/influente, mentre il sito più attivo è il web magazine del Festival, ma quello più autorevole/influente e quello de “La Stampa”, con l’articolo di Anna Masera dedicato all’evento.

Complessivamente le conversazioni online/sui social registrano una leggera prevalenza di persone di sesso maschile che pesano il 53.2% del totale, mentre le donne incidono per il 46.8%.

Anche nei casi nei quali le conversazioni hanno un sentiment negativo, quando cioè i termini associati alle citazioni di #IJF19 esprimono umori e reazioni negative, si tratta non di critiche al Festival, alle quali, come abbiamo visto, ci pensano già i giornali rinchiusi nel loro guscio, ma di criticità verso alcuno degli argomenti trattati, come ad esempio, uno per tutti, per quanto riguarda Maria Ressa, CEO e direttrice esecutiva di Rappler, social news network creato nel 2012 che combina giornalismo professionale con modelli partecipativi, che con i suoi lavori investigativi su Rappler ha svelato il sistema di corruzione che coinvolge il governo autoritario di Duterte nelle Filippine; arrestata più volte, è quotidianamente minacciata di morte, ma la sua missione giornalistica non si ferma. È infatti durante il suo talk di ieri che si è registrato il maggior numero di citazioni sui social di #IJF19.

 

[clicca per ingrandire]

Per quanto riguarda specificatamente Instagram sono solamente 326 i post nell’arco temporale considerato [tra i quali segnaliamo in particolare questo], ma questi coinvolgono [like + commmenti] 16.920 persone, con un engagement rate decisamente superiore rispetto alle altre piattaforme social analizzate.

Tremila circa le citazioni su Twitter che coinvolgono [like / commenti retweet] 5.917 persone. Un tasso di engagement nettamente inferiore ad Instagram, soprattutto se si considera che i mi piace – forse usati come “segnalibri” per ritrovare i contenuti – pesano circa l’80% delle interazioni, mentre commenti e condivisioni sono marginali. I tre tweet che generano maggior coinvolgimento sono di: Rana Ayyub, Roberto Saviano, e Lirio Abbate.

Sulla fanpage della manifestazione, a fronte di 23 post da parte di chi amministra la pagina su Facebook vengono generati un totale di poco meno di 2mila like, 417 condivisioni, e 44 commenti. Un tasso di engagement medio giornaliero del 1.7%. Il post che ha generato maggior engagement in assoluto è quello, di ieri mattina, che ha dato il via alla cinque giorni su media e giornalismi.

Torneremo ad analizzare le conversazioni relative al Festival nel nostro digest settimanale, e pubblicheremo l’analisi conclusiva di tutte e cinque le giornate della manifestazione Lunedì 8 Aprile. Anche quest’anno forniamo il nostro minimo contributo al Festival, e al miglioramento dell’ecosistema dell’informazione, che [quasi], chiude questa edizione, con un workshop su “Data-driven journalism: come estrarre dati dai social e rappresentarli”. Un laboratorio pratico nel quale i partecipanti potranno imparare concretamente come estrarre dati e/o informazioni al fine di creare contenuti giornalistici [e smetterla con articoli tipo “Il popolo della Rete dice che…”, e varianti sul tema], e come visualizzare i dati, pur senza avere capacità di programmazione.

L’infografica sottostante riepiloga gli elementi dell’analisi delle prime due giornate dell’evento e ne fornisce i dettagli.

[clicca per ingrandire]

[*] La fonte dei dati elaborati per l’analisi effettuata è Talkwalker con cui DataMediaHub ha una partnership per l’ascolto della Rete. Questa e le molte altre analisi prodotte sono, anche, delle “demo” della parte di social media listening/monitoring che potremmo fare per il vostro brand, la vostra organizzazione. Se d’interesse contattateci attraverso l’apposito modulo. Grazie.

Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.