DigitalMente

“DigitalMente”, rubrica settimanale che ogni Venerdì prova a fornire spunti e appunti su digitale e dintorni per riflettere a tutto campo su innovazione e digitale. Oggi abbiamo scelto di parlare di Twitter.

Dopo i deludenti risultati, che per il terzo trimestre consecutivo hanno visto un calo degli utenti attivi mensili, arrrivano ora i dati Audiweb di Dicembre che consentono di verificare lo stato di salute, o meno, della piattaforma di microblogging nel nostro Paese.

Ebbene, stando ai dati del secondo semestre 2018, a Dicembre Twitter ha la total digital audience più bassa del periodo preso in considerazione, escludendo Agosto che naturalmente ha un calo fisiologico. Infatti nella fine dell’anno il newswire social per eccellenza si attesta a circa 212mila utenti unici in meno rispetto al mese precedente [-8.9%], e addirittura a 237mila meno di Ottobre [-9.8%].

Certo, si tratta comunque di un audience di tutto rispetto, se si considera che, per esempio, a Dicembre Repubblica si attesta a 2.5 milioni di utenti unici nel giorno medio, e il Corriere, per stare alle due testate principali, è a quota 2.1 milioni, con 8mila utenti unici nel giorno medio in meno rispetto a Twitter, ma altrettanto certamente, come evidenziato, la tendenza è tutt’altro che positiva.

Chi dunque dice che Twitter è “morto”, in particolare in Italia, è assolutamente fuori strada, sia per ampiezza del pubblico di riferimento che per qualità di questo, e relativo utilizzo che è dunque possibile farne in chiave di comunicazione d’impresa, ma non vi è dubbio che un campanello di allarme inizi a squillare.

 

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.