Quante copie vendono i quotidiani italiani? Volumi vendita 2008-2018

Con la pubblicazione dei dati di dicembre 2018 da parte di Ads possiamo cominciare ad analizzare gli andamenti di vendita dei quotidiani italiani nell’arco di tutto l’anno e raffrontarli con i dati degli anni scorsi: abbiamo deciso di aprire una finestra molto ampia, l’arco temporale parte infatti dal 2008.

I dati elaborati sono riferiti all’intero aggregato delle testate quotidiane censite, anno per anno, da Ads mentre la voce presa in considerazione, in questa prima analisi, è quella che la società di certificazione indica come “Totale vendita (cartacea+digitale)” che dal 2013 somma alla vendita delle copie di carta nei canali di distribuzione previsti dalla legge e tramite abbonamenti, anche le vendite delle copie digitali (comprese le cosiddette “vendite multiple”) ad un prezzo di almeno il 30%  di quello di vendita delle copie cartacee.

 

Volumi annui
Come sono mutati i volumi di vendita in questi ultimi undici anni? Nel 2008 l’industria dei quotidiani italiana complessivamente vendeva in un anno 1,8 miliardi di copie, nel 2018 questo valore è sceso a 836 mila copie, con una flessione del 53%. Un declino costante (in media oltre 90 milioni di copie l’anno. Se guardiamo il confronto anno su anno, la perdita più consistente di copie vendute è avvenuta nel 2015 quando si è registrata una flessione complessiva di 144 milioni di copie (-11,7%). C’è da dire che – anche se i dati non sono riportati nei grafici che abbiamo pubblicato – una leggera flessione del venduto si era già registrata a partire dal 2007, la crisi economico-finanziaria quindi, ha colpito un’industria che già dava segnali di affaticamento.

[per ingrandire clicca sull’immagine per versione interattiva clicca qui]

In questo scenario possiamo cercare qualche dato meno negativo: il 2018 presenta una delle flessioni più contenute degli ultimi anni, in numeri assoluti i 61,7 milioni di copie vendute in meno rispetto al volume del 2017 rappresentano infatti la perdita meno pesante dal 2011. In percentuale il valore della flessione scende per la prima volta dal 2014 sotto il 7%. Come abbiamo scritto anche nelle precedenti analisi fatte sui dati parziali del 2018 nel nostro “osservatorio sulle vendite dei quotidiani”, i numeri parlano di un leggero miglioramento rispetto ai dati degli ultimi tre/quattro anni, un rallentamento del declino che dovrà però essere confermato nei prossimi anni.

[per ingrandire clicca sull’immagine per versione interattiva clicca qui]

 

Volumi giornalieri e copie medie
Quante copie vende l’industria dei quotidiani mediamente ogni giorno? Un dato interessante per capire la “portata” dell’industria dei quotidiani è infatti guardare a quanto l’intero aggregato vende quotidianamente (considerando il numero massimo di giorni di uscita durante l’anno): nel 2008 il volume del venduto nel giorno medio era di quasi 5 milioni di copie (4,95 milioni per la precisione) un dato destinato, come abbiamo già visto a dimezzarsi, nel 2018 infatti i quotidiani venduti nel giorno medio sono scesi a 2,33 milioni.

L’ultimo indicatore che segnaliamo sono le copie vendute dal totale dei quotidiani mediamente per ogni singola uscita: nel 2008 questo valore era di 85 mila copie, mentre nel  2018, si è scesi a 40.480 copie, con una flessione complessiva nell’arco di tempo preso in considerazione del 52,4%.

[per ingrandire clicca sull’immagine per versione interattiva clicca qui]

Nelle prossime analisi prenderemo in considerazione più nel dettaglio i dati relativi alle copie rese, la vendita di copie digitali e quelle vendute da abbonamenti.

Lelio Simi

giornalista, content curator at DataMediaHub
Si è formato nella carta stampata [Mattina Toscana - l'Unità] dove è diventato giornalista professionista. Dal 2001 inizia a occuparsi di informazione sul web in una delle prime digital media italiane [Wayin]. Da diversi anni svolge l'attività di freelance occupandosi prevalentemente (sia nella stampa tradizionale che in quella online) dei temi legati all'innovazione, all'economia al sociale e alle nuove tecnologie. Di strategie e marketing editoriale scrive su pagina99. Come consulente da anni si occupa di progettare e gestire strumenti e contenuti per la comunicazione corporate. Ha tenuto per quattro anni un blog personale "Senzamegafono".

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.