Quanto si Parla della Brexit Online

Ieri, in tarda serata, il Parlamento britannico ha bocciato l’accordo su Brexit. Ecco che allora abbiamo deciso di dare uno sguardo a quanto, e come, negli ultimi tredici mesi si sia parlato online [tutte le piattaforme social + blog + quotidiani online] di questo difficile passaggio per tutta l’Europa.

Dalla nostra analisi[*] emerge che le citazioni per #Brexit, dal Dicembre 2017 ad oggi, sono state bel 17.4 milioni, generate da oltre 427mila autori unici, i cui contenuti hanno coinvolto [like/condivisioni/commenti] poco meno di 33 milioni di persone.

Il picco massimo si è avuto il 10 Novembre 2018, quando sono apparsi con chiarezza i forti contrasti all’interno del Parlamento britannico sulla questione, e più in generale della società civile del Regno Unito, con oltre 824mila citazioni solo in quella giornata.  Forte concentrazione per le persone di sesso maschile, che rappresentano il 68.2% del totale, e di coloro di età compresa tra i 25 e i 34 anni. Netta la prevalenza di un sentiment, delle reazioni ed emozioni associate, negativo.

Naturalmente oltre la metà – 55.4% – delle mention proviene dal Regno Unito, seguito dagli USA, che pesano il 23.8% del totale, e da oltremanica, dalla Francia, ben distante, al 2.8%. L’Italia rientra tra i primi dieci Paesi per numero di citazioni, con un peso del 0.8% del totale, pari a poco meno di 140mila citazioni nel periodo preso in considerazione.

È interessante notare come l’attuale Premier britannico, Theresa May, nonostante i circa 741mila follower su Twitter e gli oltre 5oomila fan su Facebook, non compaia tra i primi dieci post per engagement. Una possibile conferma della sua progressiva perdita di rilevanza, che potrebbe portare alla mozione di sfiducia, dopo che già qualche settimana fa un centinaio di deputati del suo partito le votarono contro.

Insomma, la “lady di latta”, come la definisce l’Espresso in contrapposizione alla “lady di ferro” dell’altra donna conservatrice a guida del Regno Unito: Margaret Thatcher, sui social pare aver perso da tempo, e la probabile debacle definitiva potrebbe anche essere una conferma di come l’ascolto della Rete sia strumento di indagine ben più efficace rispetto ad altri.

La fonte dei dati elaborati per l’analisi effettuata è Talkwalker con cui DataMediaHub ha una partnership per l’ascolto della Rete. Questa e le molte altre analisi prodotte sono, anche, delle “demo” della parte di social media listening/monitoring che potremmo fare per il vostro brand, la vostra organizzazione. Se d’interesse contattateci attraverso l’apposito modulo. Grazie.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.