DigitalMente

“DigitalMente”, rubrica settimanale che ogni Venerdì prova a fornire spunti e appunti su digitale e dintorni per riflettere a tutto campo su innovazione e digitale. Oggi abbiamo scelto di parlare dei newsbrand del nostro Paese e del livello di interesse e coinvolgimento che hanno le diverse testate online.

Per farlo, dopo aver visto che per quanto riguarda il tempo speso con le app di news siamo ai minimi termini, approfondiamo grazie ai dati della total digital audience pubblicati pochi giorni prima di Natale. Dai dati di Ottobre 2018 abbiamo infatti estrapolato il tempo speso nel giorno medio per i 32 principali newsbrand italiani.

Se secondo Audiweb complessivamente nel giorno medio gli italiani che usano Internet hanno speso tre ore e dieci minuti, quanto di questo tempo è dedicato ai siti web delle testate giornalistiche?

La risposta al quesito è senza appello: poco, molto poco. Solo una frazione infinitesimale delle oltre tre ore online è dedicata all’informazione.

In prima posizione, come avviene da diversi mesi, troviamo Dagospia che con poco meno di otto minuti raccoglie l’1.9% del totale tempo speso online nel giorno medio. Sopra i quattro minuti di tempo troviamo altre tre testate all digital, che non hanno una corridpondente versione cartacea: Ansa, Rai News, e TgCom24, mentre il principale quotidiano per audience, Repubblica, si attesta appena al di sotto di tale soglia.

Fanpage, per parlare di una testata che notoriamente attira al proprio sito dai social, da Facebook, una quota significativa della propria audience si ferma sotto i due minuti, ed anche l’informazione locale del Gedi News Network, la nuova denominazione del gruppo di giornali locali Finegil dopo la fusione per incorporazione con Itedi, non fa meglio. A chiudere la classifica Blogo con meno di un minuto e mezzo.

Per avere un termine di paragone si pensi che social network e instant messanging assorbono il 32% del tempo speso e che, ad esempio, il tempo nel giorno medio per Spotify è di 12 minuti e 32 secondi, o che quello speso da tablet per Twitter raggiunge i 27 minuti e 21 secondi, mentre, secondo AGCOM, siamo a poco meno di un’ora al giorno per Facebook.

Insomma, è chiaro che se, come giustamente ricorda qualcuno, e come avevamo scritto già parecchio tempo addietro, il tempo è LA metrica per definire interesse e coinvolgimento delle persone, per i newsbrand del nostro Paese ci sono diversi elementi di riflessione, e naturalmente spunti di azione.

L’infografica sottostante fornisce il dettaglio di ciascuna delle trentadue testate prese in esame.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.