I Conti Dietro lo Sciopero a “Il Giornale”

Pocket

Oggi "Il Giornale" non sarà in edicola. Se si esclude l'uscita a foliazione ridotta del 2007 si tratta del primo sciopero in assoluto nella storia del quotidiano attualmente diretto da Sallusti.

In seguito all'annuncio da parte di Società Europea di Edizioni SpA, la società che controlla il quotidiano della famiglia Berlusconi, di presentare un piano che prevede la formula della solidarietà con tagli medi del 30% agli stipendi dal primo gennaio 2019 e per tre anni, i giornalisti hanno scioperato nella giornata di ieri impedendo dunque l'uscita nelle edicole oggi.

Questo nonostante ad Ottobre 2017 il Gruppo Amodei, che edita tra gli altri il Corriere dello Sport e Tuttosport, avesse acquisito il 10% di Società Europea di Edizioni, mettendo dunque nuove risorse economiche nel quotidiano.

Nel comunicato del CdR del "Giornale", si legge: «L'assemblea di redazione del Giornale ha deciso all'unanimità di scendere in sciopero contro il piano di tagli annunciato oggi dalla società editrice. Domani il quotidiano fondato da Indro Montanelli non sarà in edicola. L'utilizzo dello strumento dei contratti di solidarietà, nella misura annunciata, è di una entità senza precedenti e incompatibile con la qualità del quotidiano. Lo sciopero immediato è una decisione sofferta ma inevitabile davanti ad un'azienda che non propone alcun piano di rilancio editoriale ma scarica sulle spalle dei redattori, cui vengono prospettati sacrifici intollerabili, il peso di una crisi che riguarda l'intero settore dell'editoria.

A mesi di richieste di chiarimenti sullo stato dei conti e sulle prospettive di rilancio si è risposto con dichiarazioni tranquillizzanti, clamorosamente smentite dall'annuncio odierno.  I giornalisti del Giornale sono pronti a fare la loro parte ma certamente non nella misura abnorme ipotizzata dall'azienda. L'assemblea ha dato mandato al Cdr per la prosecuzione della trattativa decidendo fin d'ora, se necessarie, altre due giornate di sciopero».

Sulle prospettive di rilancio non possiamo fornire alcun contributo tranne rilevare che evidentemente le sinergie nella stampa e nella raccolta pubblicitaria con il Gruppo Amodei non sono di per se sufficienti affinché si possa guardare con serenità al futuro del giornale fondato da Montanelli. Evidenza che rende concreto come nella concentrazione in atto da tempo, anche, nei media italiani, la somma non faccia il totale, per dirla alla De Curtis.

Sui conti, se questi non fossero noti, come viene dichiarato nel comunicato del Cdr, possiamo invece fornire il nostro minimo contributo attraverso i principali indicatori di bilancio dal 2011 all'ultimo esercizio, al 2017.

Dal 2011 ad oggi Società Europea di Edizioni SpA ha accumulato perdite per 19.5 milioni di euro, chiudendo un solo esercizio, il 2015, positivamente. In particolare il 2017 si è chiuso con il peggior risultato della storia recente con perdite per 6.5 milioni di euro.

Dal 2011 al 2017 il fatturato è passato da 61.3 a 31.3 milioni di euro. Un crollo della metà [-48.9%] dei ricavi, ed un incremento esponenziale delle perdite di esercizio nonostante una riduzione del personale del 21.9%, poiché per ogni uscita del 2017 Il Giornale ha venduto mediamente 60.049 copie, 11.754 in meno rispetto al 2016[-19.5%], continuando il trend negativo anche nel 2018 dove, nonostante la campagna elettorale, nel primo trimestre ha registrato un'ulteriore flessione del 7.6%.

Questi i crudi numeri. Ci spiace per i giornalisti, ovviamente, ma senza una riorganizzazione e una visione rinnovata del modello di business è evidente che le prospettive siano a tinte fosche.

Quali possano essere i principali driver di rilancio lo spiegavo in un'intervista sul tema proprio su "Il Giornale" a Febbraio di quest'anno, e naturalmente, come sempre, sono, siamo, a disposizione se interessasse approfondire.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3228 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: