Talent & Reality Show Sono Roba per “Vecchi”

Mancano ormai un paio di settimane alla partenza della stagione televisiva 2018/19 e il palinsesto si preannuncia ricco di reality show a cominciare da la prima edizione di Temptation Island Vip e l’ennesima edizione di Grande Fratello Vip che partiranno proprio a Settembre.

Ecco che allora può essere questo un buon momento per trarre un bilancio di come sono andati talent e reality show durante la passata stagione televisiva 2017/2018 grazie ai dati dell’Istituto Barometro.

Nel complesso talent e reality continuano ad avere buoni ascolti, con Tù sì que vales in pole position con oltre 5.2 milioni di telespettatori in media e con il 28.1% di share. Seguono il Grande Fratello Vip con 4.8 milioni di spettatori in media e il 25.7% di share, e L’Isola dei Famosi con 4.4 milioni di telespettatori in media e il 24.1% di share.

È quando si entra nel dettaglio di chi guarda questi programmi che però il quadro si appanna decisamente. Infatti, mediamente l’età di chi guarda talent e reality è attorno ai 50 anni con una punta di 53 anni proprio per Tù sì que vales.

Anche Amici non va molto meglio con l’età media dei propri telespettatori che si attesta a 49 anni e meno di un terzo dell’audience del programma [30.6%] fra i 15-34enni.

Certo, si tratta solo dei numeri attuali televisivi, mentre sappiamo che il consumo si sposta sempre più su altri device, con Pier Silvio Berlusconi che per quanto riguarda il Grande Fratello Vip ha dichiarato che «ha generato 112 milioni di video visti e raccolto 65 milioni di voti», che è stato con #gfvip l’hashtag più twittato degli ultimi 12 mesi.

Entro fine anno avremo la rilevazione dell’ascolto non solo della televisione tradizionale ma anche dei device digitali, ma se si considera che in realtà la fascia di età 15-34 anni viene spaccata in 4 segmenti, si capisce comunque come l’audience sia costituita prevalentemente da persone “mature”.

Fenomeno che peraltro si inquadra in uno scenario complessivo nel quale la televisione tradizionale ha nell’insieme un pubblico che è sempre meno costituito da giovani, come emergeva anche dal rapporto sulla comunicazione che il Censis pubblica annualmente e che rileva i consumi mediatici degli italiani. In caso di dubbi, “citofonare” alla zia Ether.

Insomma, talent e reality, ma più in generale la TV, sono affare per “vecchi”. Non a caso di recente Auditel ha innalzato la soglia della terza età portandola da 65 a 75 anni. Un fenomeno che naturalmente non potrà che avere risvolti anche nella pianificazione pubblicitaria.

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.