Newsbrand & Fiducia

Pocket

Non più tardi di ieri, in qualità di relatore, ho partecipato ad un convegno, organizzato da Ordine dei giornalisti della Lombardia e Associazione Lombarda dei giornalisti, su "blogger, influencer, giornalismo". Di seguito la presentazione del mio intervento, il cui senso avevo anticipato qualche giorno fa.

Nel suo intervento, Massimo Russo, Direttore della Divisione Digitale del Gruppo Gedi, tra le altre cose, ha spiegato che «Se metti immondizia nel ventilatore, uscirà molto più forte"», ovvero che il problema dei giornali è il crollo della qualità e la deontologia non può esser diversa tra carta e on online.  Crollo che ovviamente impatta direttamente sulla fiducia nei confronti dei newsbrand.

Sul tema arrivano i risultati di un'indagine condotta da Pew Research Center, con interviste condotte in Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Spagna, Svezia e Regno Unito, proprio sull'attitudine delle persone verso i newsbrand.

Per quanto riguarda specificatamente l'Italia, sono due i principali elementi emergenti:

  • I giornali che basano la loro linea editoriale su una campagna mediatica sistematica di incitazione all'odio razziale, alla denigrazione del prossimo, si tratti di avversario politico o altro, quali Libero ed Il Giornale, sono i newsbrand che godono di minor fiducia.

Che le testate succitate siano il punto più basso del giornalismo, e danneggino complessivamente tutto il sistema, è un aspetto che abbiamo evidenziato più volte in questi spazi. Così come abbiamo posto l'accento sulla scarsa, o nulla, attenzione nei confronti della propria reputazione da parte delle testate del nostro Paese.

La fiducia ha una componente affettiva/emotiva ed una calcolatrice/razionale. La parte affettiva/emotiva si compone essenzialmente di trasparenza, rispetto e disponibilità, mentre quella calcolatrice/razionale si basa fondamentalmente su coerenza e rispetto delle promesse. È su questi aspetti che i newsbrand devono lavorare hic et nunc pena l'ulteriore perdita di rilevanza nell'ecosistema dell'informazione.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3229 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: