Quanto copie hanno venduto i quotidiani italiani? Volumi vendita (carta+digitale) complessivi del 2017

Con la pubblicazione dei dati Ads di dicembre possiamo iniziare a chiudere l’analisi dei volumi di vendita per il 2017. In questa prima puntata analizziamo i dati aggregati del “sistema” dei quotidiani italiani. I dati si riveriscono alla voce “totale vendita (carta + digitale)” e, con i nuovi regolamenti che Ads si è data, le copie digitali conteggiate sono solo quelle vendute ad un prezzo uguale o superiore al 30% di copertina.

Quante copie sono state vendute? Nei dodici mesi del 2017 il complesso dei 61 quotidiani monitorati da Ads ha venduto 902,45 milioni di copie, nel 2016 il medesimo volume di vendita era stato di 988,97 milioni di copie (quest’ultimo dato è stato calcolato sui dati certificati e ricalcolati da Ads con le nuove regole e differisce di circa 1,5% rispetto a quello che avevamo dato lo scorso anno). Nel raffronto tra i due anni quindi a chiusura del 2017 “mancano” 86,54 milioni di copie che segnano una flessione anno su anno pari a  -8,7%.

[per ingrandire clicca sull’immagine, per versione interattiva clicca qui]

 

Una percentuale in negativo molto simile a quella dello scorso anno registrata dal volume di vendita del 2016 sul 2015 (e la flessione di copie vendute annua ormai costante intorno al 9% non è certo una buona notizia per l’industria dei quotidiani italiana). Ma c’è da tenere di conto che il numero delle testate censite da Ads del 2017 è superiore rispetto a quelle del 2016 (61 contro 59 contando solo quelle presenti tutti i dodici mesi).

Per questo le copie del giornale medio (il volume totale diviso per il numero complessivo dei numeri usciti) ha valori di flessione molto più accentuati. Se infatti le copie medie complessive del 2016 erano 51.459 nel 2017 calano a 45.299 con una perdita di 6.160 copie medie pari a un -12%.

Volumi mensili a confronto: se guardiamo all’evoluzione delle vendite durante i singoli mesi si nota come sia nel 2017 che nel 2016 il mese con un volume di vendite maggiore sia stato luglio (l’unico a superare lo scorso anno quota 80 milioni di copie vendute) mentre quello con il minor volume per entrambi gli anni è dicembre, l’unico a scendere sotto quota 70 milioni (con un volume di poco meno di 69 milioni di copie vendute). Il volume di vendite del mese medio nel 2017 è stato di 75,2 milioni di copie mentre nel 2016 era stato di 82,42 milioni di copie.

I mesi che rispetto all’anno precedente hanno perso più copie sono Aprile e Febbraio (-12%) mentre da maggio a dicembre il differenziale è costantemente contenuto in una forbice molto ristretta tra 8% e 9%.

Nelle prossime “puntate” come al solito analizzeremo nel dettaglio i volumi di vendita del 2017 per i “top 5” il campione di testate nazionali composto da Il Giornale, Il Fatto Quotidiano, Libero, Il Manifesto e La Verità, e poi i quotidiani locali.

Lelio Simi

giornalista, content curator at DataMediaHub
Si è formato nella carta stampata [Mattina Toscana - l'Unità] dove è diventato giornalista professionista. Dal 2001 inizia a occuparsi di informazione sul web in una delle prime digital media italiane [Wayin]. Da diversi anni svolge l'attività di freelance occupandosi prevalentemente (sia nella stampa tradizionale che in quella online) dei temi legati all'innovazione, all'economia al sociale e alle nuove tecnologie. Di strategie e marketing editoriale scrive su pagina99. Come consulente da anni si occupa di progettare e gestire strumenti e contenuti per la comunicazione corporate. Ha tenuto per quattro anni un blog personale "Senzamegafono".

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.