Utilizzo dei Big Data nelle Imprese Italiane

Dopo che ieri abbiamo focalizzato la nostra attenzione su l’utilizzo corporate dei social media in Italia nel 2017, oggi, sempre grazie all’aggiornamento fornito da Istat pochi giorni prima di Natale, affrontiamo un altro aspetto per verificare anche in questo caso la distanza effettiva tra la grammatica e la pratica, ovvero di quale sia il gap tra quanto si discute di un determinato argomento, dandolo per acquisito, e quanto invece a ciò corrispondano effettivamente azioni svolte.

Di big data si parla molto ormai da tempo. Una ricerca su Google al riguardo fornisce 337 milioni di risultati in 0.47 secondi e secondo Google Trends, in Italia, l’interesse è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi cinque anni. Ma, appunto, se di big data se ne parla diffusamente qual è l’utilizzo effettivo di questi da parte delle imprese, con più di 10 addetti, nel nostro Paese?

Complessivamente sono poco più del 9% le aziende italiane che usano i big data nel 2017. Di queste le imprese manifatturiere, che banalmente potrebbero farlo per migliorare i processi produttivi, arrivano al 7%, mentre quelle di servizi [esclusi i servizi finanziari] sfiorano l’11%.  Una sparuta minoranza.

In un quadro dove la sfida, in chiave di business intelligence e di marketing, è quella di riuscire a fondere nella propria data warehouse i dati strutturati con quelli non strutturati, come ad esempio quelli che è possibile raccogliere dai social, cosa fanno le imprese in tal senso?

La risposta, ahimè, è, anche in questo caso, poco, anzi pochissimo. Meno del 3% delle aziende analizzano i propri dati [big data] derivanti da dispositivi intelligenti o sensori, le imprese che analizzano dati [big data] di geo localizzazione derivanti dall’utilizzo di dispositivi portatili sono il 3.25%, e quelle che che analizzano dati [big data] generati dai social media scendono addirittura al 2.6%, mentre è il 3.5% ad  analizzare altre fonti varie, non meglio specificate, di grandi quantità di dati.

Insomma, ancora una volta, mentre ci si riempie la bocca con la “quarta rivoluzione industriale” [aka industria 4.0], che trova nelle tecniche di gestione di grandissime quantità di dati attraverso sistemi aperti che permettono previsioni o predizioni uno dei punti di svolta, la realtà è quella dei dati riepilogati nell’infografica sottostante.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.