Utilizzo dei Big Data nelle Imprese Italiane

Dopo che ieri abbia­mo foca­liz­za­to la nostra atten­zio­ne su l’utilizzo cor­po­ra­te dei social media in Ita­lia nel 2017, oggi, sem­pre gra­zie all’aggiornamento for­ni­to da Istat pochi gior­ni pri­ma di Nata­le, affron­tia­mo un altro aspet­to per veri­fi­ca­re anche in que­sto caso la distan­za effet­ti­va tra la gram­ma­ti­ca e la pra­ti­ca, ovve­ro di qua­le sia il gap tra quan­to si discu­te di un deter­mi­na­to argo­men­to, dan­do­lo per acqui­si­to, e quan­to inve­ce a ciò cor­ri­spon­da­no effet­ti­va­men­te azio­ni svol­te.

Di big data si par­la mol­to ormai da tem­po. Una ricer­ca su Goo­gle al riguar­do for­ni­sce 337 milio­ni di risul­ta­ti in 0.47 secon­di e secon­do Goo­gle Trends, in Ita­lia, l’interesse è cre­sciu­to in manie­ra espo­nen­zia­le negli ulti­mi cin­que anni. Ma, appun­to, se di big data se ne par­la dif­fu­sa­men­te qual è l’utilizzo effet­ti­vo di que­sti da par­te del­le impre­se, con più di 10 addet­ti, nel nostro Pae­se?

Com­ples­si­va­men­te sono poco più del 9% le azien­de ita­lia­ne che usa­no i big data nel 2017. Di que­ste le impre­se mani­fat­tu­rie­re, che banal­men­te potreb­be­ro far­lo per miglio­ra­re i pro­ces­si pro­dut­ti­vi, arri­va­no al 7%, men­tre quel­le di ser­vi­zi [esclu­si i ser­vi­zi finan­zia­ri] sfio­ra­no l’11%.  Una spa­ru­ta mino­ran­za.

In un qua­dro dove la sfi­da, in chia­ve di busi­ness intel­li­gen­ce e di mar­ke­ting, è quel­la di riu­sci­re a fon­de­re nel­la pro­pria data ware­hou­se i dati strut­tu­ra­ti con quel­li non strut­tu­ra­ti, come ad esem­pio quel­li che è pos­si­bi­le rac­co­glie­re dai social, cosa fan­no le impre­se in tal sen­so?

La rispo­sta, ahi­mè, è, anche in que­sto caso, poco, anzi pochis­si­mo. Meno del 3% del­le azien­de ana­liz­za­no i pro­pri dati [big data] deri­van­ti da dispo­si­ti­vi intel­li­gen­ti o sen­so­ri, le impre­se che ana­liz­za­no dati [big data] di geo loca­liz­za­zio­ne deri­van­ti dall’utilizzo di dispo­si­ti­vi por­ta­ti­li sono il 3.25%, e quel­le che che ana­liz­za­no dati [big data] gene­ra­ti dai social media scen­do­no addi­rit­tu­ra al 2.6%, men­tre è il 3.5% ad  ana­liz­za­re altre fon­ti varie, non meglio spe­ci­fi­ca­te, di gran­di quan­ti­tà di dati.

Insom­ma, anco­ra una vol­ta, men­tre ci si riem­pie la boc­ca con la “quar­ta rivo­lu­zio­ne indu­stria­le” [aka indu­stria 4.0], che tro­va nel­le tec­ni­che di gestio­ne di gran­dis­si­me quan­ti­tà di dati attra­ver­so siste­mi aper­ti che per­met­to­no pre­vi­sio­ni o pre­di­zio­ni uno dei pun­ti di svol­ta, la real­tà è quel­la dei dati rie­pi­lo­ga­ti nell’infografica sot­to­stan­te.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3086 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento