#Connessi: I Media Siamo Noi

Pocket

Pubblicato alla fine della scorsa settimana il libro "#Connessi: I Media Siamo Noi" che in pochi giorni si è già inserito nella "Top10" dei bestseller di Amazon nella categoria Internet.

Il libro multi-autore è il frutto del lavoro svolto durante la tre giorni del "IV Meeting dei Giornalisti Cattolici e Non" del Giugno 2017 a cui hanno partecipato oltre 200 giornalisti e operatori della comunicazione provenienti da tutta Italia. Attualmente è disponibile in formato ebook, epub e pdf , e dunque può essere letto su qualunque dispositivo, al prezzo di soli 2.99 euro. A breve uscirà la versione cartacea alla modica cifra di otto euro.

L’uso che facciamo della tecnologia non è qualcosa di esterno a noi, ma semplicemente è un’abilitazione tecnica che ci permette di comunicare noi stessi agli altri così come realmente siamo: anche se fingiamo, ci nascondiamo, o imbrogliamo. La tecnologia, in sostanza, non ci “purifica” dalle nostre malefatte; invece ci eleva se la utilizziamo per fini buoni. Ed è questo lo spirito propositivo del libro.

Le prime riflessioni si dedicano a un’analisi di fondo dello scenario digitale nei suoi effetti antropologici, sociologici, linguistici e di comunicazione. Le successive si concentrano sulle sfide e sui cambiamenti della professione giornalistica, a cui oggi è richiesto di percorrere nuove strade per ritrovare la sua originale vocazione di servizio al bene comune.

L'introduzione è a cura di Giovanni Tridente, giornalista che si occupa di temi legati all'informazione religiosa; è docente di Position Papers nella Facoltà di Comunicazione Istituzionale della Pontificia Università della Santa Croce, della quale coordina l’Ufficio Comunicazione.

Bruno Mastroianni, giornalista, autore e social media manager de “La Grande Storia” RAI Tre, esplora i modi e i percorsi per vivere all'altezza del dibattito online libero e privo di mediazioni, prendendosi cura di tutti gli interlocutori, anche quelli più ostili.

Vera Gheno, sociolinguista e gestrice del profilo Twitter dell’Accademia della Crusca, riflette su quanto le nostre scelte linguistiche, appunto, non siano indenni da conseguenze.

Massimiliano Padula, docente di sociologia fresco di nomina come Presidente di Copercom, esplora le capacità di discernimento e decodifica del mondo circostante che ciascun cittadino è oggi chiamato a sviluppare.

Fabio Colagrande, vice-coordinatore di Radio Vaticana Italia, affronta il tema dell’ironia come via maestra per capire e farsi capire in un mondo iperconnesso.

Massimo Donaddio, giornalista in forze a Il Sole 24 Ore, offre alcune considerazioni generali sulle sfide poste oggi ai professionisti dell’informazione.

Vincenzo Grienti, web editor di TV2000, parla di storytelling in redazione, qualità dei contenuti e collaborazione tra diverse professionalità.

Infine, Pier Luca Santoro, aka il sottoscritto, propone indicazioni strategiche e operative, su quale direzione intraprendere per sopravvivere ai forti cambiamenti in atto nell’industria dell'informazione nel capitolo "Giornalismo Online: Alcune Proposte di Azione"

Del libro è possibile leggere un estratto e le recensioni pubblicate, ad oggi, su Avvenire e sul sito del COPERCOM, il Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione. Parlano del libro anche la FERPI, la Federazione Relazioni Pubbliche italiana, e la testata d'informazione locale della località dove si è tenuto il convegno  nell'estate di quest'anno.

Vi lasciamo con un paragrafo del libro e se deciderete di acquistarlo, come ovviamente mi auguro, cortesemente fateci sapere che ne pensate usando l'hashtag #Connessi. Grazie!

«L’uomo mediale non ha nulla a che fare con l’homo technologicus, inteso come un ibrido di uomo e macchina, figlio di un mondo trasformato dalla tecnica. L’uomo mediale esiste a prescindere dalla tecnologia, dai suoi apparati e dalle sue conseguenze. Rimane un uomo che può “vivere porzioni di esistenza con e nei media. Può abitare un social network ma anche costruire opinioni e orientare scelte leggendo un giornale o guardando la televisione. L’uomo mediale non è un individuo [ri]costruito dalle tecnologie, ma un uomo che prende consapevolezza della propria identità così profondamente connaturata nei media. E questa prossimità si traduce nell’idea di ‘media proiettivi’: i media possono essere intesi come assolute proiezioni [dal latino prōiectus, progetto] dell’umano, come traslati della qualità etica dell’individuo, come rifrazioni delle sue gioie e delle sue tristezze, come riverberi dei suoi vizi e delle sue ambiguità. È l’umanità stessa, quindi, a proiettare se stessa nei media”».

Buona lettura.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3229 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: