Valutare la Presenza di un Newsbrand sui Social

Se pri­ma c’è sta­ta, anche da par­te dei new­sbrand, “la cor­sa” ai social, spes­so anco­ra oggi gesti­ti in manie­ra asso­lu­ta­men­te ina­de­gua­ta tran­ne che in raris­si­mi casi, ora è l’epoca del­la disil­lu­sio­ne e del­la pre­oc­cu­pa­zio­ne.

Cosa deve dun­que fare il social media edi­tor, equi­va­len­te in ambi­to edi­to­ria­le del social media stra­te­gi­st per quan­to riguar­da i brand, per valu­ta­re le stra­te­gie di pre­sen­za del gior­na­le sui diver­si social media e social net­work iden­ti­fi­can­do ruo­lo e signi­fi­ca­to di cia­scun cana­le, di cia­scun medium?

Sono attual­men­te cin­que i pun­ti chia­ve da valu­ta­re:

  • Brand Expres­sion: Una vol­ta defi­ni­ta la brand per­so­na­li­ty si potrà di con­se­guen­za defi­ni­re la brand expres­sion, ovve­ro come il [news]brand si espri­me, comu­ni­ca. Il suo sti­le, il suo “tono di voce” e tut­ti gli altri ele­men­ti del­la comu­ni­ca­zio­ne.
  • User Enga­ge­ment: Attual­men­te la moda­li­tà uni­ver­sal­men­te adot­ta­ta per misu­ra­re l’engagement è quel­la di som­ma­re le inte­ra­zio­ni gene­ra­te dai post [like+commenti+condivisioni] divi­so per il nume­ro di post di un deter­mi­na­to gior­no a loro vol­ta divi­si per il nume­ro di fan e mol­ti­pli­ca­to per 100.  Si trat­ta a mio avvi­so di una con­ven­zio­ne erra­ta, da rive­de­re. Infat­ti i tre “atti” com­piu­ti dal­le per­so­ne han­no un valo­re, un peso com­ple­ta­men­te diver­so sia in ter­mi­ni di time spen­ding che, soprat­tut­to, di coin­vol­gi­men­to, appun­to. Ciò det­to, la misu­ra­zio­ne e l’analisi dell’engagement resta fon­da­men­ta­le, assie­me alla reach, alla por­ta­ta effet­ti­va del mes­sag­gio, come ele­men­to di misu­ra­zio­ne ed ana­li­si.
  • New Users: Se, come dovreb­be esse­re, anche se poi nei fat­ti ad oggi le evi­den­ze dico­no il con­tra­rio, i social sono piat­ta­for­me per entra­re in rela­zio­ne con nuo­ve per­so­ne, poten­zia­li nuo­vi let­to­ri nel caso dei new­sbrand, quan­ti nuo­vi uten­ti è in gra­do di [ap]portare un deter­mi­na­to social rispet­to ad un altro?
  • Rela­ti­ve Mone­ti­za­tion: Rispet­to alla resa eco­no­mi­ca di un arti­co­lo sul pro­prio sito qua­li sono i rica­vi gene­ra­ti da solu­zio­ni qua­li, ad esem­pio, Instant Arti­cles?
  • Oppor­tu­ni­ty to sub­scri­be: Quan­to una deter­mi­na­ta piat­ta­for­ma social è in gra­do poten­zial­men­te di gene­ra­re abbo­na­men­ti al new­sbrand gesti­to.

Allo sco­po, mutuan­do quan­to vie­ne fat­to, ad esem­pio, dal quo­ti­dia­no tede­sco Bild, abbia­mo rea­liz­za­to una tabel­la che ser­va da gui­da per il lavo­ro da svol­ge­re. Sce­glie­te voi se attri­bui­re un valo­re a cia­scu­na casel­la, per poi pon­de­ra­re i risul­ta­ti emer­gen­ti, o se pre­fe­ri­te adot­ta­te un codi­ce colo­re che indi­chi la posi­ti­vi­tà, o meno, di cia­scun item. Buon lavo­ro.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3086 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento