I Periodici Soffrono Meno dei Quotidiani Grazie all’Adv “Speciale”

L’Osservatorio Stampa FCP ha pubblicato i dati relativi alla raccolta pubblicitaria della carta stampata nel periodo Gennaio-Agosto 2017 e relativo confronto con il pari periodo dell’anno precedente.

Complessivamente non si arresta la flessione degli investimenti che passa dai 621.6 milioni dei primi 8 mesi del 2016 agli attuali 564.7 [-9.2%]. Restano, altrettanto, invariate le dinamiche che vedono il trend a spazi registrare un calo inferiore rispetto a quello a fatturato sia per i quotidiani che per i periodici. Un chiaro segnale di come, in un mercato che, ahinoi, è di per se caratterizzato dall’incertezza dei listini, e che viaggia a tassi di scontistica che rendono, appunto, i listini un valore puramente figurativo, si continui a cedere sui prezzi pur di raccogliere pubblicità.

Nello specifico, i quotidiani calano del 4.8% a spazi e del 10.3% a valore, i peggiori tra i diversi segmenti della carta stampata, i settimanali del 3.5% a spazi e del 5% a fatturato, e i mensili del 4.5% a spazi e del 8.6% a valore [totale periodici -4% e -7%].

In tutto questo c’è però qualcosa che si muove in controtendenza. Si tratta dello “speciale”, categoria che raccoglie gli investimenti che non rientrano nella “tabellare” canonica, che invece, per quanto riguarda il totale dei periodici, crescono del 6.6% rispetto al pari periodo dell’anno precedente e che iniziano ad avere un peso superiore al 10% sul totale degli investimenti pubblicitari di settimanali e mensili, arrivando a  pesare addirittura il 13.4% per i mensili.

Insomma, ancora una volta la conferma di come le modalità di comunicazione stiano cambiando e con queste, naturalmente, i relativi investimenti. La pubblicità è morta, evviva la comunicazione d’impresa.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.