Readership quotidiani italiani (Audipress 2017/II)

Audipress ha pubblicato ieri i dati relativi al secondo aggiornamento della sua ricerca su abitudini e consumo di lettura relativi alla stampa. Ricordiamo che le rilevazione di Audipress, a differenza di quelle Ads, sono fatte utilizzando delle interviste a un campione di cittadini di età superiore ai 14 anni (nello specifico per questa edizione Audipress 2017/II sono state eseguite 49.955 interviste personali).

Cosa dicono i numeri di Audipress? Il dato generale parla che  «ogni giorno si raggiungono in media quasi 26 milioni di letture per i quotidiani (per 17.239.000 lettori), ogni settimana quasi 25 milioni di letture per le testate settimanali (per 14.764.000 lettori) e ogni mese quasi 23 milioni di letture per le testate mensili (per 13.087.000 lettori)».

[fonte: www.audipress.it]
Il primo rapporto (quello uscito a marzo) parlava di 17,367 milioni di letture di quotidiani nel giorno medio (sia su carta che su copia digitale), quindi seppure di poco, si rileva un’ulteriore diminuzione rispetto alla precedente rilevazione (-128 milioni di lettori, pari a -0,7%), un calo costante visto che se lo raffrontiamo con il dato del primo semestre dello scorso anno la flessione è del 4%.

Tra i dati che ci sembra abbia valore mettere in rilievo è la media decisamente molto alta del lettore di quotidiani italiano: il 42% ha un’età superiore a 55 anni, praticamente il doppio dei giovani di età compresa 14-35 anni che sono solo il 21,4%. Gli ultra 65enni sono da soli il 24% mentre la fascia che va dai 45enni in poi è il 59%.

I lettori complessivi (la readership se preferite termine in inglese) dei quotidiani sono stati nel giorno medio di 25,868 milioni, nel pari periodo del 2016 erano stati 27,513 milioni (quindi la readership dei quotidiani italiani ha perso in un anno 1,645 milioni unità pari a -6%,)

Ma quanti lettori hanno le singole testate quotidiane in Italia? Guardiamo nel dettaglio: la testata con maggiore readership e La Gazzetta dello Sport, 3,238 milioni di lettori nel giorno medio seguita da Corsera, 2,107 milioni e Repubblica con 2,080 milioni di lettori. I quattro principali quotidiani nazionali (non sportivi) ovvero Corsera, Repubblicca, Sole 24 Ore e Stampa assieme aggregano una readership di 6,094 milioni di lettori ovvero il 24% del totale.

È interessante confrontare questi dati delle singole testate con quelli che Audipress ha pubblicato nel medesimo periodo dello scorso anno. La testata che, secondo questi dati, cresce di più è L’Eco di Bergamo che passa da 254 mila lettori del 2016/II ai 336mila di questa ultima rilevazione (+32%). Al secondo posto il Secolo XIX (che guadagna 29 mila lettori, +9%), Il Gazzettino (che aumenta la sua readership di 28 mila unità, +5%) e Il Resto del Carlino (+26 mila lettori pari a +3% su anno scorso). Difficile non notare come siano tutte testate locali. E i quotidiani nazionali? L’unico a incrementare i propri lettori è Il Fatto Quotidiano che cresce di 25 mila unità (+7%) – stiamo parlando di readership, lo ricordiamo, non di copie vendute – per il resto Il Corsera perde 111 mila lettori (-5%), Repubblica 87 mila (-6%), La Stampa 75 mila (-6%) e Il Sole 24 ore 60 mila (-4%).

In valori assoluti la testata che perde più lettori nel giorno medio sono la free press Leggo (-116 mila, -14%) e Il Messaggero (-116 mila, -10%) e al terzo posto il Corsera i cui valori abbiamo già citato. A livello di percentuali, tra testate nazionali, se tra le buone performance si segnala, come detto, Il Fatto (unico con segno più nel confronto con la rilevazione dello scorso anno) tra quelle negative ci sono i -13% di Libero e Avvenire e il -10% del Giornale.

***

Lelio Simi

giornalista, content curator at DataMediaHub
Si è formato nella carta stampata [Mattina Toscana - l'Unità] dove è diventato giornalista professionista. Dal 2001 inizia a occuparsi di informazione sul web in una delle prime digital media italiane [Wayin]. Da diversi anni svolge l'attività di freelance occupandosi prevalentemente (sia nella stampa tradizionale che in quella online) dei temi legati all'innovazione, all'economia al sociale e alle nuove tecnologie. Di strategie e marketing editoriale scrive su pagina99. Come consulente da anni si occupa di progettare e gestire strumenti e contenuti per la comunicazione corporate. Ha tenuto per quattro anni un blog personale "Senzamegafono".

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.