I Dolori di Snapchat in una Infografica

Snap Inc, la socie­tà che detie­ne la “came­ra com­pa­ny” Sna­p­chat, ha reso pub­bli­ci i risul­ta­ti rela­ti­vi al secon­do tri­me­stre 2017. Risul­ta­ti mol­to atte­si dopo che il tito­lo in Bor­sa era già sci­vo­la­to ampia­men­te al di sot­to del livel­lo di prez­zo del­la quo­ta­zio­ne arri­van­do a 12.65 dol­la­ri con­tro i 18 dell’OPA e il pic­co mas­si­mo di 21.93 del 25 Mag­gio scor­so. Lo dicia­mo dicia­mo subi­to, non è anda­ta bene, per nien­te, ed infat­ti al momen­to del­la reda­zio­ne di que­sto arti­co­lo il tito­lo toc­ca un nuo­vo mini­mo a quo­ta 11.46 dol­la­ri.

I rica­vi pas­sa­no nel tri­me­stre dai 71.8 milio­ni di $ del 2016 agli attua­li 181.6, men­tre nel seme­stre i rica­vi addi­rit­tu­ra tri­pli­ca­no arri­van­do a 331.3 milio­ni di dol­la­ri con­tro i 110.6 del perio­do cor­ri­spon­den­te dell’anno pre­ce­den­te. Pec­ca­to che altret­tan­to suc­ce­da con le per­di­te. Infat­ti, dai 115.9 milio­ni di per­di­te del pri­mo tri­me­stre 2016 il ros­so schiz­za a -443.1 milio­ni di dol­la­ri. Anco­ra peg­gio il con­so­li­da­to del seme­stre che pre­sen­ta per­di­te per 2651 milio­ni di dol­la­ri con­tro i 220.4 di ros­so del pri­mo seme­stre 2016. Die­ci vol­te tan­to.

Flop anche per gli “Spec­ta­cles”, i came­ra glas­ses, le cui ven­di­te si sti­ma sia­no sta­te di 41.500 uni­tà nel secon­do tri­me­stre con­tro le 64mila del pri­mo tri­me­stre 2017. Il 35% in meno.

Soprat­tut­to è il ral­len­ta­men­to sem­pre più evi­den­te nel­la cre­sci­ta degli uten­ti uni­ci gior­na­lie­ri a delu­de­re i mer­ca­ti e pre­oc­cu­pa­re sul­le effet­ti­ve pro­spet­ti­ve nel medio perio­do di Sna­p­chat. Anche in que­sto caso la cre­sci­ta regi­stra­ta è la più bas­sa dal­la nasci­ta del­la came­ra com­pa­ny ad oggi con un aumen­to di soli 7 milio­ni di uten­ti, il 4.2% in più rispet­to al pri­mo tri­me­stre 2017. Cre­sci­ta trai­na­ta dagli USA con l’Europa che vede aumen­ta­re gli uten­ti uni­ci di soli 2 milio­ni di per­so­ne [+3.6%], con un buon pre­si­dio in Regni Uni­to e Fran­cia, dove secon­do le dichia­ra­zio­ni del CEO, Evan Spie­gel, effet­tua­te nel­la con­fe­ren­ce call di com­men­to ai risul­ta­ti, il 25% degli uten­ti di Inter­net usa Sna­p­chat men­tre nel resto il livel­lo di pene­tra­zio­ne è di gran lun­ga infe­rio­re [in ita­lia la sti­ma è di un ran­ge tra 700mila ed un milio­ne di uten­ti atti­vi].

Se si con­si­de­ra che ad un anno dal lan­cio Ista­gram Sto­ries ha rag­giun­to i 250 milio­ni di uten­ti atti­vi e che altret­tan­ti sono colo­ro che usa­no Wha­tsApp Sta­tus, lan­cia­to nel Feb­bra­io di quest’anno, si com­ple­ta il qua­dro d’assieme su i pro­ble­mi di Sna­p­chat al qua­le qual­cu­no for­ni­sce 8 con­si­gli, 8 modi per risol­ve­re le attua­li pro­ble­ma­ti­che.

Sareb­be ovvia­men­te un azzar­do allo sta­to attua­le fare pre­vi­sio­ni sul desti­no del­la came­ra com­pa­ny andan­do ad arric­chi­re la lun­ga lista di medium per i qua­li è sta­ta annun­cia­ta trop­pe vol­te la mor­te. Quel che è cer­to è che in gene­ra­le gli uten­ti che uti­liz­za­no esclu­si­va­men­te Sna­p­chat sia­no dav­ve­ro pochi e che dun­que dal pun­to di vista degli inve­sti­to­ri pub­bli­ci­ta­ri, vi sono moda­li­tà alter­na­ti­ve e più effi­ca­ci per copri­re al 99% lo stes­so pub­bli­co.

Infi­ne, come ho già avu­to modo di dire a più ripre­se, que­sto è anco­ra più vero per l’Italia dove i nue­ri sono dav­ve­ro risi­ca­ti, ad esse­re gene­ro­si, e con l’attuale sta­to dell’arte gene­ra­le del social media mar­ke­ting nel nostro Pae­se, con poche cen­ti­na­ia di aziende/brand che han­no svi­lup­pa­to buo­ne pra­ti­che e il resto anco­ra a livel­li pre­i­sto­ri­ci, asso­lu­ta­men­te ina­de­gua­ti, pri­ma di caval­ca­re, even­tual­men­te, Sna­p­chat sarà bene dar­si, alme­no, una stra­te­gia di pre­sen­za sugli altri social.

L’infografica sot­to­stan­te, rea­liz­za­ta ad hoc in base ai dati for­ni­ti da Snap Inc, rias­su­me i dati dal pri­mo tri­me­stre 2014 ad oggi su uten­ti uni­ci gior­na­lie­ri, loro seg­men­ta­zio­ne per area geo­gra­fi­ca e trend di cre­sci­ta rispet­to al tri­me­stre pre­ce­den­te dell’anno cor­ri­spon­den­te.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social
About Pier Luca Santoro 3067 Articoli

Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento