Il 70% dei Ricavi di Axel Springer dal Digitale

Ave­va­mo già segna­la­to gli straor­di­na­ri risul­ta­ti di Axel Sprin­ger per quan­to riguar­da il secon­do tri­me­stre 2017. Ora, gra­zie alla dispo­ni­bi­li­tà dei dati di bilan­cio rela­ti­vi al pri­mo seme­stre, appro­fon­dia­mo l’analisi del grup­po edi­to­ria­le tede­sco.

Axel Sprin­ger nel pri­mo seme­stre 2017 ha fat­to regi­stra­re una cre­sci­ta dei rica­vi del 6.9% atte­stan­do­si a 1.695 miliar­di di euro, con un EBITDA lor­do di 317.2 milio­ni [+16,2%]. La cre­sci­ta, che ha addi­rit­tu­ra supe­ra­to le atte­se por­tan­do al rial­zo le pre­vi­sio­ni per il 2017, è sta­ta deter­mi­na­ta in  buo­na da pro­dot­ti e ser­vi­zi digi­ta­li, che sono cre­sciu­ti del 10.7% nel seme­stre arri­van­do a pesa­re oltre due ter­zi [70.6%] del fat­tu­ra­to e addi­rit­tu­ra il 77.1% del mar­gi­ne ope­ra­ti­vo lor­do. Non sono solo i rica­vi a sba­lor­di­re, visti i tem­pi, ma anche l’utile net­to che è cre­sciu­to del 15.9% rag­giun­gen­do i 169.5 milio­ni di euro. Trend che una vol­ta tan­to ha un impat­to posi­ti­vo sul livel­lo occu­pa­zio­na­le con idi­pen­den­ti del grup­po che sono aumen­ta­ti del 4.5% arri­van­do ad un  tota­le 15.664 per­so­ne impie­ga­te.

Posi­ti­vo l’andamento di tut­ti e tre i prin­ci­pa­li seg­men­ti di Axel Sprin­ger. Il seg­men­to Clas­si­fied Ad Models, basa­to sgli annun­ci pub­bli­ci­ta­ri si atte­sta­ta a 491 milio­ni di euro, in aumen­to del 15,6%. Vola il sot­to-seg­men­to dei General/Other che cre­sce del 32.8% nel seme­stre soprat­tut­to gra­zie al con­so­li­da­men­to del @Leisure Group ma anche la sot­to-sezio­ne Jobs regi­stra una cre­sci­ta del 11.7% e Real Esta­te aumen­ta del 7.6%.

Il seg­men­to Paid Models, basa­to prin­ci­pal­men­te su Bild e Welt, è cre­sciu­to del 2.3% arri­van­do a gene­ra­re rica­vi per 725.4 milio­ni di euro. In quest’area i rica­vi pub­bli­ci­ta­ri aumen­ta­no del 7.9% men­tre gli abbo­na­men­ti aumen­ta­no del 0.5%. È l’internazionale a tira­re la vola­ta con l’advertising in cre­sci­ta del 27.7% e gli abbo­na­men­ti addi­rit­tu­ra al +34.1%.

Infi­ne, il seg­men­to Mar­ke­ting Models è cre­sciu­to del 8.1% a pro­du­cen­do rica­vi per 447.8 milio­ni di euro. Fon­da­men­ta­le in tal sen­so il con­tri­bu­to di Aufe­mi­ninBonial Group. I rica­vi in Per­for­man­ce Mar­ke­ting sono incre­men­ta­ti del 7.3% a € 295.7 milio­ni gra­zie al con­so­li­da­men­to di Share­A­Sa­le.

Insom­ma, in caso di dub­bi, è chia­ro che la red­di­vi­tà dei publi­sher pas­sa dall’abbandono del bino­mio ven­di­te-pub­bli­ci­tà come model­lo di busi­ness mono­li­ti­co ad un model­lo che inve­ce si basa sul un mix di rica­vi gene­ra­ti anche da atti­vi­tà non diret­ta­men­te ricon­du­ci­bi­li a quel­le pret­ta­men­te edi­to­ria­li. Sot­to que­sto pro­fi­lo, per tor­na­re a casa nostra, Mon­da­do­ri for­se avreb­be fat­to bene ad acqui­si­re tut­ta Ban­zai e non sol­tan­to la sua par­te edi­to­ria­le.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social
About Pier Luca Santoro 3068 Articoli

Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento