L’Utilizzo dei Social nella UE

Eurostat ha pubblicato in questi giorni “Digital economy & society in the EU 2017 edition” rapporto annuale su uso del digitale nel vecchio continente.

Il rapporto si compone di 4 aree: Profile of the digital society & businesses, E-commerce, Internet security & the cloud, What is the digital single market about?. Dal capitolo dedicato a Profile of the digital society & businesses, che a sua volta si compone di tre aree: People & businesses online, Living online: what the internet is used for e Digital skills for a digital world, abbiamo estrapolato i dati relativi all’uso dei social sia corporate che da parte delle persone.

Per quanto riguarda l’uso di almeno un social da parte delle imprese l’Italia si attesta al 37%, che diventa il 57% per le aziende che hanno più di 249 dipendenti [una sparuta minoranza delle aziende del nostro Paese].

Un dato davvero modesto se lo si confronta con la media UE 28 che si attesta al 43% che è ulteriormente ridotto per quanto riguarda l’utilizzo di blog e microblog [aka Twitter] con solamente l’8% della aziende italiane che utilizza questa tipologie di piattaforme social [media UE 14%] e che sale ad appena al 30% per le grandi imprese [media UE 34%].

È invece in linea con la media UE28 l’utilizzo di piattaforme social multimediali quali, ad esempio, YouTube e/o SlideShare, con il 15% delle aziende presenti sul territorio nazionale che ne fa uso.

Insomma poco più di un’azienda sui tre usa almeno un social e nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di Facebook. Ennesima evidenza di come complessivamente si sia ancora ad uno stadio primordiale del social media marketing di cui tanto si parla, e naturalmente, ancora una volta, si straparla, soprattutto in relazione all’utilizzo che invece ne fanno le persone, come vedremo di seguito.

Dati che evidenziano la totale assenza di una strategia di presenza sui canali social, e di riflesso più in generale di digital marketing [e molto probabilmente anche di marketing nel suo complesso].

Se poco più di un terzo delle imprese del nostro Paese usa almeno un social si arriva quasi al doppio [60%] invece per quanto riguarda le persone. Una prima misura del gap quantitativo, oltre che qualitativo, da colmare da parte delle aziende italiane.

Distanza che si accresce ulteriormente per quanto riguarda la fruizione di contenuti video online. Pratica che viene effettuata da ben il 70% di coloro che usano la Rete in Italia, mentre, come vedevamo prima, solo il 15% delle aziende ha una presenza.

La distanza tra una sparuta minoranza, incluso il sottoscritto se posso dirlo, che ritiene ormai basici certi strumenti di comunicazione e relazione digital e social, e la realtà nazionale è davvero rilevante. Ennesimo indicatore di assenza di cultura all’interno delle aziende anche sotto questo profilo, con buona pace di quelli che “il mestiere di social media manager è destinato a scomparire”.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.