ChartaMente

Facebook ha reso pubblici i dati relativi ai risultati del primo trimestre 2017. Nonostante sia stato un trimestre difficile per il social network più popoloso del mondo, stretto da pressioni di governi e media di tutto il mondo per “fake news” e omicidi trasmessi in diretta grazie alla funzionalità live resa disponibile a tutti, i risultati sono ancora una volta strabilianti.

Gli utenti unici giornalieri crescono del 17.8% rispetto al primo trimestre 2016 e del 4.6% rispetto al trimestre precedente. Gli utenti attivi mensili sfiorano i due miliardi di persone. Una crescita del 17% rispetto al pari periodo dell’anno precedente e del 4% rispetto al trimestre precedente.

Crescita prevalentemente dovuta ad Asia Pacifica e resto del mondo mentre USA ed Europa crescono a ritmi più contenuti avvicinandosi ormai alla saturazione di quello che è ormai un mercato maturo.

Ancor più straordinarie le performance economiche con una crescita dei ricavi del 49.2% rispetto al primo trimestre del 2016. Ricavi generati per il 73.1% da Stati Uniti e Europa che lasciano dunque ampi margini di ulteriore crescita in Asia Pacifica, soprattutto se Zuckerberg dovesse riuscire a sfondare in Cina come prova da tempo a fare, e nel resto del mondo.

Il margine operativo passa dal 37% del primo trimestre del 2016 all’attuale 41% mentre il margine netto cresce addirittura del 76.3% rispetto al pari periodo dell’anno precedente. Per capire quali siano le ambizioni di Facebook, da leggere il commento ai risultati di Mark Zuckerberg e di Sheryl Sandberg. Di seguito, per comodità di lettura, lo slidedeck completo dei dati diffusi.

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.