ChartaMente

Nel docu­men­to nel qua­le l’Autorità Garan­te del­la Con­cor­ren­za e del Mer­ca­to, al ter­mi­ne del­la scor­sa set­ti­ma­na, ha dato il via libe­ra con­di­zio­na­to alla con­cen­tra­zio­ne tra Grup­po Edi­to­ria­le L’Espresso e Ita­lia­na Edi­tri­ce sono con­te­nu­te alcu­ne infor­ma­zio­ni sul mer­ca­to pub­bli­ci­ta­rio che sono d’interesse, direi.

Infat­ti per arri­va­re alla deci­sio­ne l’AGCM ha uti­liz­za­to, anche, un data­set, for­ni­to dal Grup­po Edi­to­ria­le L’Espresso, rela­ti­vo ai prez­zi e alla dif­fu­sio­ne del­le edi­zio­ni loca­li dei quo­ti­dia­ni pub­bli­ca­ti dal grup­po in que­stio­ne e da Ite­di.

I dati evi­den­zia­no che nel com­ples­so il prez­zo medio a pagi­na per inser­zio­ni pub­bli­ci­ta­rie ha regi­stra­to, nel perio­do con­si­de­ra­to, un trend decre­scen­te, che tut­ta­via non ricor­re uni­for­me­men­te per le testa­te inclu­se nel data­set. Come mostra il gra­fi­co sot­to­stan­te il prez­zo medio per pagi­na del­le edi­zio­ni loca­li del La Repub­bli­ca segue quel­lo del mer­ca­to ma si posi­zio­na sopra alla media men­tre quel­lo de La Stam­pa, che par­te da un posi­zio­ne infe­rio­re alla media di mer­ca­to, si sta­bi­liz­za nel tem­po per arri­va­re ad alli­near­si al mer­ca­to.

Come noto, nei mer­ca­ti del­la rac­col­ta pub­bli­ci­ta­ria su stam­pa, alla pari di quel­li del­la rac­col­ta pub­bli­ci­ta­ria su altri mez­zi, il costo per con­tat­to appa­re costi­tui­re il para­me­tro che più cor­ret­ta­men­te sin­te­tiz­za le scel­te degli ope­ra­to­ri dal lato del­la doman­da, giac­ché per gli inser­zio­ni­sti la rela­ti­va one­ro­si­tà degli inve­sti­men­ti in pub­bli­ci­tà si valu­ta in rela­zio­ne al loro poten­zia­le ritor­no, che a sua vol­ta dipen­de dal­la nume­ro­si­tà degli uten­ti che lo stes­so è in gra­do di con­tat­ta­re [nel caso dei quo­ti­dia­ni, ad esem­pio, dal­la nume­ro­si­tà dei let­to­ri e non dal­la ven­di­te del­le copie].

In que­sto caso il pano­ra­ma cam­bia in manie­ra signi­fi­ca­ti­va. Come si può vede­re dal gra­fi­co sot­to ripor­ta­to, il gap di pre­mium pri­ce di Repub­bli­ca aumen­ta signi­fi­ca­ti­va­men­te rispet­to alla media del mer­ca­to e soprat­tut­to ha una dina­mi­ca diver­sa. Cosa che, pur par­ten­do da una posi­zio­ne diver­sa, avvie­ne anche per La Stam­pa.

Il prez­zo medio per let­to­re, nel perio­do pre­so in con­si­de­ra­zio­ne, per quan­to riguar­da Man­zo­ni aumen­ta tra il 5 ed il 10% su Tori­no ed addi­rit­tu­ra tra l’85 ed il 90% su Geno­va. Publi­kom­pass inve­ce aumen­ta tra il 15 e il 20% su Tori­no e tra il 5 ed il 10% su Geno­va.

La for­za di un new­sbrand si misu­ra anche da que­sto, dal­la capa­ci­tà di esse­re in con­tro­ten­den­za al mer­ca­to “impo­nen­do”, appun­to, la pro­pria for­za.

Il prez­zo medio per let­to­re, ripor­ta­to nel gra­fi­co, è cal­co­la­to come (prez­zo medio pagina/diffusione media giornaliera)*10.000

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3086 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento