Quote mercato settimanali e mensili italiani (su “totale pagata”)

Dopo esserci occupati la scorsa settimana delle quote di mercato degli editori e dei gruppi editoriali dei quotidiani italiani abbiamo voluto analizzare le quelle relative ai settimanali e ai mensili. La fonte dei dati è ovviamente Ads e il dato che abbiamo preso in considerazione è ancora il “totale pagata” ovvero le vendite in edicola e per abbonamento, un parametro che ci sembra più interessante che non la diffusione. I dati sono riferiti al mese di ottobre 2016 per i settimanali e settembre 2016 per i mensili (i report più recenti pubblicati da Ads al momento di scrivere). Come per i quotidiani abbiamo calcolato i volumi totali delle vendite per il mese e calcolato sul totale le quote di mercato.

Che scenario esce fuori da questi dati? Per quanto riguarda i settimanali se consideriamo Rcs e Cairo editore come unica aggregazione (che concentra il 34,9%), vista la prossima definitiva fusione dei due gruppi, c’è da notare che solo tre editori superano il 10% di quota di mercato concentrando su di loro il 76% dell’intera torta. L’editore con un peso maggiore sul totale del volume di vendite (che ad ottobre 2016 è stato di 27,952 milioni di copie) è Mondadori, proprietario di dieci testate tra le quali Sorrisi e Canzoni Tv, Donna Moderna, Chi, Panorama e Grazia, con una quota di mercato del 29% seguito da Cairo Editore (un pacchetto dieci testate rilevate da Ads tra cui Diva e Donna, Di Più, Nuovo, Tv Mia) con una quota del 24,78 % seguito dal Gruppo Espresso (editore del settimanale omonimo oltre che del Venerdì di Repubblica e D di Repubblica) con una quota del 12%. Quarta posizione per i settimanali di Rcs (Io Donna, Oggi e Sport Week) con il 10,11%.

QuoteMercatoSettimanali

Sotto queste prime posizioni si scende a quote sotto il 10%: l’editore Del Duca (Grand Hotel e Telesette) ha il 7,12% mentre la divisione italiana del colosso dei periodici Hearst e la San Paolo (che edita una sola testata, Famiglia Cristiana) sono entrambe al 4%. Gli altri editori non superano la soglia del 3%. Nel complesso quindi tra i 14 editori rilevati da Ads (per un totale di 39 testate) sette di loro (ovvero l’esatta metà) aggregano il 91,5% del mercato.

QuoteMercatoMensili

Per quanto riguarda i mensili (qui i dati sono di settembre) il volume complessivo delle vendite è stato di 4,434 milioni di copie. L’editore che ha una quota di mercato maggiore è Mondadori che pubblica otto testate tra divisione periodici (tra cui Cucina Moderna, Casa Facile, Sale e Pepe) e divisione Scienza (il mensile Focus, con le sue edizioni Junior e Storia) con il 22,45%. Molto distanziati tutti gli altri editori visto che il secondo gruppo per importanza è l’aggregazione Cairo-Rcs che ha complessivamente il 12,6%: presi singolarmente Cairo (sette testate tra cui Bell’Italia, Airone, Gardenia, For Men) 6,1% e Rcs (quattro testate tra cui Amica, Insieme e Dove) 6,6%. Seguono due editori che pubblicano un’unica testata: Unimedia, (Al Volante) con il 7,75% e Il Messaggero di Sant’Antonio con il 7,6%. Nel complesso solo sei editori superano la quota del 6% aggregando da soli il 57% del mercato.


Lelio Simi

giornalista, content curator at DataMediaHub
Si è formato nella carta stampata [Mattina Toscana - l'Unità] dove è diventato giornalista professionista. Dal 2001 inizia a occuparsi di informazione sul web in una delle prime digital media italiane [Wayin]. Da diversi anni svolge l'attività di freelance occupandosi prevalentemente (sia nella stampa tradizionale che in quella online) dei temi legati all'innovazione, all'economia al sociale e alle nuove tecnologie. Di strategie e marketing editoriale scrive su pagina99. Come consulente da anni si occupa di progettare e gestire strumenti e contenuti per la comunicazione corporate. Ha tenuto per quattro anni un blog personale "Senzamegafono".

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.