ChartaMente

Pocket

È stata una settimana difficile per il Paese, comunque la si pensi, quella appena passata dopo il ciclone del Referendum Costituzionale del 4 dicembre scorso.

Come giustamente scrive l'amico Marco Lo Conte, social media editor del quotidiano di Confindustria, la vittoria del No sul Sì non era affatto chiara e limpida sui social media frequentati dagli italiani a ridosso del referendum; soprattutto non lo era nella sua dimensione e nel distacco di circa venti punti percentuali. Anzi. Twitter in particolare si è rivelato uno specchio deformato dell'elettorato italiano in occasione di questo referendum.

Ad analizzare la questione da un altro punto di vista, puntuali come d'abitudine arrivano i dati di Pornhub Insight sul traffico al più grande contenitore di porno in Rete, e dunque il più rappresentativo, durante la tornata referendaria.

Come si evince dal grafico sottostante, il traffico ha oscillato durante la giornata, probabilmente a seconda dell’afflusso di votanti ai seggi, ma è verso sera che si assiste a un verso e proprio calo, che diventa più evidente dalle 22 in poi, orario di chiusura dei seggi.

Il vero e proprio calo però si verifica intorno a mezzanotte: durante il discorso in cui il Premier Matteo Renzi ha annunciato le proprie dimissioni, il traffico sul sito ha avuto un significativo calo del 9%, segno che gli italiani hanno “abbandonato” momentaneamente Pornhub per sintonizzarsi sui primi exit pool e sul discorso di Renzi.

referendum-porn

È interessante notare cosa succede appena dopo il discorso di Renzi: il traffico non solo ricomincia ad aumentare, ma tocca addirittura un picco del +8% rispetto al traffico medio.

Come spiegare questo dato? Possiamo ipotizzare che i votanti del No si siano recati sul sito dopo i primi risultati per festeggiare, mentre i sostenitori del Sì, per consolarsi, diciamo.

Infine, durante la giornata del 4 Dicembre, probabilmente influenzati dalle notizie su giornali e tv, gli italiani hanno cercato su Pornhub alcuni termini e nomi legati al mondo della politica: i politici più cercati sono stati Maria Elena Boschi, Matteo Renzi e Virginia Raggi. Peccato che gli insight non dicano se e cosa hanno trovato quella sarebbe davvero una notizia nella notizia.

referendum-porno

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social
About Pier Luca Santoro 3188 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: