ChartaMente

È sta­ta una set­ti­ma­na dif­fi­ci­le per il Pae­se, comun­que la si pen­si, quel­la appe­na pas­sa­ta dopo il ciclo­ne del Refe­ren­dum Costi­tu­zio­na­le del 4 dicem­bre scor­so.

Come giu­sta­men­te scri­ve l’amico Mar­co Lo Con­te, social media edi­tor del quo­ti­dia­no di Con­fin­du­stria, la vit­to­ria del No sul Sì non era affat­to chia­ra e lim­pi­da sui social media fre­quen­ta­ti dagli ita­lia­ni a ridos­so del refe­ren­dum; soprat­tut­to non lo era nel­la sua dimen­sio­ne e nel distac­co di cir­ca ven­ti pun­ti per­cen­tua­li. Anzi. Twit­ter in par­ti­co­la­re si è rive­la­to uno spec­chio defor­ma­to dell’elettorato ita­lia­no in occa­sio­ne di que­sto refe­ren­dum.

Ad ana­liz­za­re la que­stio­ne da un altro pun­to di vista, pun­tua­li come d’abitudine arri­va­no i dati di Por­n­hub Insight sul traf­fi­co al più gran­de con­te­ni­to­re di por­no in Rete, e dun­que il più rap­pre­sen­ta­ti­vo, duran­te la tor­na­ta refe­ren­da­ria.

Come si evin­ce dal gra­fi­co sot­to­stan­te, il traf­fi­co ha oscil­la­to duran­te la gior­na­ta, pro­ba­bil­men­te a secon­da dell’afflusso di votan­ti ai seg­gi, ma è ver­so sera che si assi­ste a un ver­so e pro­prio calo, che diven­ta più evi­den­te dal­le 22 in poi, ora­rio di chiu­su­ra dei seg­gi.

Il vero e pro­prio calo però si veri­fi­ca intor­no a mez­za­not­te: duran­te il discor­so in cui il Pre­mier Mat­teo Ren­zi ha annun­cia­to le pro­prie dimis­sio­ni, il traf­fi­co sul sito ha avu­to un signi­fi­ca­ti­vo calo del 9%, segno che gli ita­lia­ni han­no “abban­do­na­to” momen­ta­nea­men­te Por­n­hub per sin­to­niz­zar­si sui pri­mi exit pool e sul discor­so di Ren­zi.

referendum-porn

È inte­res­san­te nota­re cosa suc­ce­de appe­na dopo il discor­so di Ren­zi: il traf­fi­co non solo rico­min­cia ad aumen­ta­re, ma toc­ca addi­rit­tu­ra un pic­co del +8% rispet­to al traf­fi­co medio.

Come spie­ga­re que­sto dato? Pos­sia­mo ipo­tiz­za­re che i votan­ti del No si sia­no reca­ti sul sito dopo i pri­mi risul­ta­ti per festeg­gia­re, men­tre i soste­ni­to­ri del Sì, per con­so­lar­si, dicia­mo.

Infi­ne, duran­te la gior­na­ta del 4 Dicem­bre, pro­ba­bil­men­te influen­za­ti dal­le noti­zie su gior­na­li e tv, gli ita­lia­ni han­no cer­ca­to su Por­n­hub alcu­ni ter­mi­ni e nomi lega­ti al mon­do del­la poli­ti­ca: i poli­ti­ci più cer­ca­ti sono sta­ti Maria Ele­na Boschi, Mat­teo Ren­zi e Vir­gi­nia Rag­gi. Pec­ca­to che gli insight non dica­no se e cosa han­no tro­va­to quel­la sareb­be dav­ve­ro una noti­zia nel­la noti­zia.

referendum-porno

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3086 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento