Il Sole Non Tramonta Mai su Facebook

A fine settembre The International News Media Association [INMA] ha pubblicato il report “The Facebook-Media Relationship Status: It’s Complicated”  sulla complessità, diciamo, del rapporto tra l’industria dei media e il social network più popoloso del pianeta. Per dirla con le parole di Earl J. Wilkinson, direttore esecutivo e CEO di INMA, «Nessun soggetto oggi occupa le menti dei dirigenti mezzi di informazione come il rapporto con Facebook, il driver primario del traffico digitale per gli editori di tutto il mondo».

Il nuovo rapporto INMA è disponibile gratuitamente per i membri INMA, mentre è disponibile ai non iscritti per $ 695 – che includono anche un anno di appartenenza all’associazione, tutti i rapporti strategici per il prossimo anno, e l’accesso a tutti i contenuti INMA e gli strumenti per connessione peer con gli altri associati. L’autore del report, ne ha però pubblicato una sintesi che ne riassume gli elementi salienti.

Mentre Facebook è diventato l’anno scorso il driver primario del traffico digitale per gli editori, è diventato anche il loro concorrente per introiti pubblicitari, come ha spiegato di recente Alan Rusbridger del Guardian recependo, finalmente, quanto Emily Bell qualche mese prima aveva scritto proprio sul suo giornale: «The mobile advertising market is already effectively owned by Facebook, so with the stick of adblocking and the carrot of instant articles publishers are finding themselves surrendering what were previously the most important parts of their businesses».

Ma se Facebook è, nel bene e nel male al centro delle attenzioni, anche, di tutti i publisher, il report contiene una sintesi aggiornata al 2016 del tempo speso e delle principali attività svolte sui social dalle persone in 34 nazioni, italia inclusa.

In termini di penetrazione di utilizzo da parte di coloro che usano Internet a dominare la scena è YouTube che batte persino Facebook. Un dato che, anche alla luce dei dati su giovani e news pubblicati ieri, fa riflette su quanto poco, e male, sia usato il social dei video per eccellenza da parte degli editori di casa nostra. Sicuramente un’opportunità sprecata.

state-of-social-networking-2016

 Con 1,7 miliardi di utenti mensili attivi in tutto il mondo, Facebook è diventato il più grande giornale, o la più grande fonte di notizie. Il 44% delle persone nei 26 Paesi esaminati dal Reuters Institute for the Study of Journalism lo usano per news.

Soprattutto, combinati tra loro, le piattaforme social di proprietà Facebook  – che come noto includono Instagram, Messenger e WhatsApp – raggiungono l’86% degli utenti di Internet di età compresa tra 16-64 anni nei 33 Paesi presi in esame da GlobalWebIndex. Il sole non tramonta mai sull’impero di Facebook.

il-sole-non-tramonta-mai-su-facebook

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.