I 500 milioni di iscritti su Instagram e il potere del linguaggio universale

Instagram raggiunge i 500 milioni di utenti, affermandosi ormai come una delle principali e preferite piattaforme social. Nel grafico che segue si evidenzia la crescita continua negli ultimi anni, in un periodo in cui fatta eccezione per Facebook [e Snapchat] i trend di crescita cominciano a rallentare.

20160622_instagram

Riduttivo parlare di luogo per teenager, come riduttivo parlare di social fotografico. La varietà di contenuti ritrovabili sulla piattaforma è veramente consistente, dai meme [e quindi testi resi in formato immagine], alle foto, ai video, fino ad arrivare alle illustrazioni.

Il segreto di instagram è sicuramente il linguaggio universale delle immagini, che precinde da ogni barriera di carattere linguistico, favorendo le creazioni di reti planetarie di utenti, facilitati da meccaniche di interazione assolutamente immediate e che tengono altissimi i livelli di engagement.

In questi anni Instagram ha anche influenzato fortemente il modo di fotografare, sdoganando, in un certo senso, il modo più sconveniente di scattare immagini coi dispositivi mobili: in verticale. E pensare che all’atto dell’acquisto da parte di Facebook si trattava di una piccola app che contava appena 13 dipendenti!

Il risultato è un mix di modernità, digitale e un richiamo neanche troppo velato alle prime foto in formato quadrato, che creano un am6biente che al di là delle statistiche di “popolazione” è comfortevole e divertente per ogni tipologia di utente.

Recentemente vi avevo parlato della strategia della Nasa, capace di costruire solo con le immagini un progetto che sapesse essere interessante ma anche pedagogico, unito a tutte le attività prodotte in integrazione con gli altri canali. Instagram è anche questo.

A voler cercare  il pelo nell’uovo, pare che l’80% degli utenti non provenga dagli Stati Uniti, ben il 5% in più rispetto all’ultimo report  di settembre e, soprattutto, che il tasso di engagement sia in picchiata. Questo dato potrebbe recitare un’interessante crescita di carattere concorrenziale da parte  di Snapchat, ma i  numeri restano decisamente rassicuranti.

Su 500 milioni di iscritti almeno 300 milioni lo fanno quotidianamente. Soprattutto quest’ultimo numero è la cifra del successo.

Pierluigi Vitale

Social media Analyst at Social Listening
Social media analyst e information designer. Ph.D Fellow presso il Laboratorio "Digital Humanities + Information Design" dell'Università degli studi di Salerno. Svolge attività di ricerca nel campo dell'analisi e della visualizzazione dei dati. Mai diventato giornalista, fa di reperimento, analisi, elaborazione e rappresentazione dei dati la sua vocazione. Ha lavorato da Vice-Responsabile Marketing del Corriere del Mezzogiorno e tiene corsi di formazione per soggetti pubblici e privati.
Pierluigi Vitale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.