ChartaMente

Istat ha aggiornato i 303 indicatori territoriali per le politiche di sviluppo. Nella massa di dati disponibile sono andato a pescare quelli relativi alla partecipazione sociale in Rete.

Se si considera che, secondo i dati Istat a fine 2015 erano oltre 34 milioni gli italiani che hanno utilizzato Internet negli ultimi 12 mesi, e che secondo i dati Audiweb la total digital audience a marzo 2016 è rappresentata da 28.3 milioni di utenti unici nel mese e 21.4 milioni nel giorno medio, coloro che usano la Rete per parlare di temi sociali e/o politici è da sempre una minoranza.

Dopo l’esplosione del 2012 coloro che su Internet parlano di temi sociali e/o politici è in netto calo e a fine 2015 i maggiori di 6 anni che negli ultimi tre mesi hanno usato il Web per questa finalità è di circa un quinto del totale degli utenti.

Se consideriamo inoltre che il solo Facebook ha circa 25 milioni di utenti attivi nel giorno medio in Italia, è chiaro che il livello di partecipazione sociale effettivo è di gran lunga inferiore a quello erroneamente percepito, come dimostrato chiaramente dall’ultimo #Matteorisponde che raccoglie 309.000 visualizzazioni, una quota minima rispetto alle persone attive su Facebook, e più in generale in Rete, a quell’ora del giorno.

Sono dati che da un lato forniscono spunti di riflessione per selezionare i temi di community management e, dall’altro lato, sanciscono che le teorie sulla democrazia elettronica [ed affini] sono decisamente aleatorie. Regolatevi, regoliamoci, di conseguenza.

Partecipazione Sociale in Rete

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.