Di Cosa Parla l’Informazione Italiana?

Gra­zie alla ricer­ca con­dot­ta da Human High­way, median­te il siste­ma pro­prie­ta­rio UAC­Me­ter, sia­mo oggi capa­ci di tira­re le som­me sui prin­ci­pa­li macro­te­mi trat­ta­ti dal­le testa­te dell’informazione ita­lia­na nel 2015.

L’analisi è sta­ta con­dot­ta su 106 siti di infor­ma­zio­ne onli­ne, per un tota­le di cir­ca un milio­ne di arti­co­li. Come si può evin­ce­re dal pri­mo gra­fi­co, i gior­na­li han­no desti­na­to una lar­ga coper­tu­ra alle tema­ti­che di carat­te­re eco­no­mi­co, sicu­ra­men­te più di poli­ti­ca e sport, che pure cre­sco­no rispet­to allo scor­so anno.

20160209_a1
Inte­res­san­te anche il dato rispet­to all’area di arte, cul­tu­ra e intrat­te­ni­men­to, che si posi­zio­na al secon­do posto, pri­ma di “Giu­sti­zia e Cri­mi­na­li­tà”, “Poli­ti­ca” e “Sport, temi che, a dir­la tut­ta, van­no per la mag­gio­re sui media audio­vi­si­vi dove si per­se­ve­ra nel­la spet­ta­co­la­riz­za­zio­ne del­la noti­zia, che tro­va ter­re­no fer­ti­le in temi sca­bro­si e intri­ca­ti. Si regi­stra una decre­sci­ta del­le pagi­ne desti­na­te a tema­ti­che di guer­re e con­flit­ti, nono­stan­te gli even­ti tra­gi­ci che abbia­no inve­sti­to il mon­do negli ulti­mi mesi. Vedre­mo nel 2016 come sarà la coper­tu­ra…

Aspet­to ancor più inte­res­san­te dell’analisi con­dot­ta da Human High­way è la misu­ra­zio­ne del­le con­di­vi­sio­ni social rispet­to a que­ste stes­se macro aree, che in un cer­to sen­so reci­ta il feed­back degli uten­ti rispet­to alla pro­po­sta di con­te­nu­ti da par­te del mon­do dell’informazione. In que­sto fran­gen­te sia “Arte, cul­tu­ra e intrat­te­ni­men­to” che “Giu­sti­zia e cri­mi­na­li­tà” supe­ra­no le tema­ti­che eco­no­mi­che.

20160209_b

Si trat­ta di dati su lar­ga sca­la, ma vale la pena sot­to­li­nea­re come un sog­get­to che fa infor­ma­zio­ne dovreb­be sem­pre tene­re pre­sen­te metri­che di que­sto gene­re, quan­to­me­no per com­pren­de­re se sta inter­cet­tan­do o meno gli inte­res­si dei let­to­ri, per mas­si­miz­zar­ne l’esperienza e la fide­liz­za­zio­ne.

In que­sto caso ose­rei dire che infor­ma­zio­ne e let­to­ri han­no inte­res­si diver­si o comun­que non esat­ta­men­te alli­nea­ti. Il tema del­la distri­bu­zio­ne dei con­te­nu­ti è lapa­lis­sia­no e l’ormai data­ta dichia­ra­zio­ne del New York Times del 2014 nell’Innovation Report sem­bra rie­cheg­gia­re sen­za che il set­to­re se ne sia fat­to cari­co.

In entram­be le chart è pos­si­bi­le nota­re come le pri­me quat­tro cate­go­rie cata­liz­zi­no la metà del­la tor­ta. Degno di nota anche il for­mat di visua­liz­za­zio­ne com­ples­si­va, dove si van­no a map­pa­re le cate­go­rie, che si posi­zio­na­no da sini­stra a destra in base alla quan­ti­tà di pro­du­zio­ne dei con­te­nu­ti e dall’alto in bas­so in base alle con­di­vi­sio­ni. Basti vede­re a tale pro­po­si­to la cate­go­ria sport, che risul­ta esse­re la 4° in ter­mi­ni di cre­sci­ta del­le con­di­vi­sio­ni, posi­zio­na­ta dal lato sini­stro del­la pro­du­zio­ne.

20160209_c

Infi­ne si arri­va a un focus sul­le tema­ti­che poli­ti­che, in cui si ripro­po­ne quest’ultimo for­mat visi­vo per ana­liz­za­re come si posi­zio­na­no gli atto­ri del­la sce­na poli­ti­ca sugli stes­si cri­te­ri.

Dal pun­to di vista dell’informazione,in ter­mi­ni di cre­sci­ta il 2015 è sta­to l’anno del Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca Ser­gio Mat­ta­rel­la e del Gover­na­to­re del­la Regio­ne Cam­pa­nia Vin­cen­zo De Luca. In ter­mi­ni asso­lu­ti, inve­ce, il com­pu­to del­le con­di­vi­sio­ni vede “vin­ci­to­re” Mat­teo Sal­vi­ni. Ben diver­sa è inve­ce la col­lo­ca­zio­ne dei poli­ti­ci con le con­di­vi­sio­ni mag­gior­men­te in cre­sci­ta, con Sal­vi­ni e Gior­gia Melo­ni a con­dur­re, sep­pur negli ulti­mi mesi si sia­no pale­sa­ti siste­mi non pro­pria­men­te rego­la­ri di accre­sci­men­to del buzz rispet­to alle pro­prie atti­vi­tà social.Politici

 20160209_e

Pierluigi Vitale

Pierluigi Vitale

Social media Analyst at Social Listening
Social media analyst e information designer. Ph.D Fellow presso il Laboratorio "Digital Humanities + Information Design" dell'Università degli studi di Salerno. Svolge attività di ricerca nel campo dell'analisi e della visualizzazione dei dati. Mai diventato giornalista, fa di reperimento, analisi, elaborazione e rappresentazione dei dati la sua vocazione. Ha lavorato da Vice-Responsabile Marketing del Corriere del Mezzogiorno e tiene corsi di formazione per soggetti pubblici e privati.
Pierluigi Vitale
About Pierluigi Vitale 86 Articoli
Social media analyst e information designer. Ph.D Fellow presso il Laboratorio "Digital Humanities + Information Design" dell'Università degli studi di Salerno. Svolge attività di ricerca nel campo dell'analisi e della visualizzazione dei dati. Mai diventato giornalista, fa di reperimento, analisi, elaborazione e rappresentazione dei dati la sua vocazione. Ha lavorato da Vice-Responsabile Marketing del Corriere del Mezzogiorno e tiene corsi di formazione per soggetti pubblici e privati.

Commenta per primo

Lascia un commento