Elo score: l’ indice di desiderabilità dietro Tinder.

Tinder, ne avrete sentito parlare, è un social network per attività di dating online.

Le attività di dating online sono particolarmente attenzionate nel recente periodo. Nel libro Dataclysm di Christian Rudder, si prova a dimostrare come lo studio di queste attività possa rappresentare un elemento fondamentale nello studio della natura umana. Potrebbe suonare altisonante, ma è tutto poco astratto e molto empirico. La logica è quella di poter trattare gli atteggiamenti delle persone esattamente come si farebbe con un qualsiasi reality show televisivo, con la differenza che nel caso specifico l’assenza della telecamera aumenta la fedeltà l’affidabilità dei feedback. Gli utenti agiscono semplicemente per come sono. Per azioni si  intende tutto il set di attività, anche quelle non palesi, che vanno a ridurre il margine d’errore che potrebbe derivare dall’autopresentazione [magari gonfiata] del soggetto.

Gli utenti si interfacciano con una gran quantità di foto di altri utenti, in cerca di partner, con la sola possibilità  di  interagirvi o di scartarle. Le relazioni e le opportunità di incrociare altri utenti sull’app sono gestite inevitabilmente da un algoritmo, su cui Fastcompany prova a fare luce.

Dietro le quinte di Tinder ci sarebbe un indice di desiderabilità, che quindi assegna un ranking e un punteggio a ciascun utente, mediante il quale si riesce a matchare lo stesso con soggetti ritenuti affini o associabili. L’algoritmo si alimenta inevitabilmente delle migliaia di interazioni e attività che si effettuano all’atto della visualizzazione delle foto.

tinder-style-app

Non può essere chiaramente questo l’unico elemento discriminante. Inevitabile supporre che si elaborino anche informazioni in materia di riconoscimento delle immagini, che possano quindi stabilire se l’utente preferisca,ad esempio, i tatuaggi piuttosto che i piercing. Attività più rapide avranno meno rilievo di attività più  lente, che dovrebbero recitare elementi di interesse più consistenti. Si accenna anche a riferimenti alle dinamiche di progresso dei videogame.

Il riferimento di Jonathan Badeen, Co-Founder di Tinder, è a Warcraft, dove ciascun personaggio aumenta i suoi punti esperienza in base al livello degli altri personaggi con cui si interfaccia. Tanto più sarà rilevante l’interlocutore tanti più saranno i punti acquisibili dal contatto con lo stesso. L’autore Austin Carr racconta di aver avuto accesso al suo “Elo score” [questo il nome del valore di ranking], scoprendo di essere posizionato sopra la media. Racconta della possibilità di visualizzare altre informazioni. “Non vorresti conoscerle”, questo è ciò che gli analisti pare abbiano detto a Carr impedendogli di osservarle.

Quante altre cose riescono a conoscere di  noi social media anche così poco complessi quanto a funzionalità?

Pierluigi Vitale

Pierluigi Vitale

Social media Analyst at Social Listening
Social media analyst e information designer. Dottorando di ricerca presso il Laboratorio "Digital Humanities + Information Design" dell'Università degli studi di Salerno. Svolge attività di ricerca nel campo dell'analisi e della visualizzazione dei dati. Mai diventato giornalista, fa di reperimento, analisi, elaborazione e rappresentazione dei dati la sua vocazione. Ha lavorato da Vice-Responsabile Marketing del Corriere del Mezzogiorno e tiene corsi di formazione per soggetti pubblici e privati.
Pierluigi Vitale
Foto del profilo di Pierluigi Vitale
About Pierluigi Vitale 60 Articoli
Social media analyst e information designer. Dottorando di ricerca presso il Laboratorio "Digital Humanities + Information Design" dell'Università degli studi di Salerno. Svolge attività di ricerca nel campo dell'analisi e della visualizzazione dei dati. Mai diventato giornalista, fa di reperimento, analisi, elaborazione e rappresentazione dei dati la sua vocazione. Ha lavorato da Vice-Responsabile Marketing del Corriere del Mezzogiorno e tiene corsi di formazione per soggetti pubblici e privati.

Commenta per primo

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti