Colonia e le Responsabilità dei Giornali

I toni con i qua­li i gior­na­li ita­lia­ni sia onli­ne che nel­le edi­zio­ni tra­di­zio­na­li car­ta­cee han­no affron­ta­to le vicen­de di Colo­nia sono ver­go­gno­si.

Non è solo una que­stio­ne di fret­ta e/o di tra­du­zio­ni appros­si­ma­ti­ve ben­sì di una pre­ci­sa scel­ta di par­la­re alla “pan­cia” dei let­to­ri con l’evidente obiet­ti­vo di fare qual­che miglia­io di click in più e spe­ra­re, maga­ri, anche di ven­de­re qual­che copia.

QCodeMag Migranto

Quel­li che, nel­la miglio­re del­le ipo­te­si, ven­go­no chia­ma­ti migran­ti, ma spes­so, trop­po spes­so, immi­gra­ti o clan­de­sti­ni, sono pro­fu­ghi di guer­ra, è gen­te che scap­pa, a rischio del­la vita, da Pae­si dove la loro casa è sta­ta bom­bar­da­ta, i loro paren­ti ammaz­za­ti, tor­tu­ra­ti, in cui quel­la che era già un’esistenza dif­fi­ci­le divie­ne impos­si­bi­le da soste­ne­re.

Nem­me­no duran­te la secon­da guer­ra mon­dia­le si sono rag­giun­ti i 60 milio­ni di per­so­ne sfol­la­te per con­flit­ti o care­stie dico­no i dati del­la World Bank. Se i media, ed in pri­mis i gior­na­li, uni­ci ad esse­re foca­liz­za­ti appie­no sull’informazione, ini­zias­se­ro a chia­ma­re que­sta enor­me mas­sa di per­so­ne con il loro nome: pro­fu­ghi appun­to, for­ni­reb­be­ro una visio­ne deci­sa­men­te più cor­ret­ta del feno­me­no.

In spe­ci­fi­co rife­ri­men­to alle vicen­de di Colo­nia, le mole­stie ses­sua­li sono un fat­to, gra­ve, che ahi­mè ha radi­ci ben più pro­fon­de dei fat­ti avve­nu­ti la not­te di Capo­dan­no in Ger­ma­nia.

I dati del Gen­der Equa­li­ty Index Report 2015 mostra­no come a usa­re vio­len­za è anco­ra oggi chi ci sta più vici­no, il pro­prio part­ner, dove a mostra­re le per­cen­tua­li più alte sono i pae­si del nord Euro­pa: Dani­mar­ca, Olan­da, Fin­lan­dia e Regno Uni­to. Ed anco­ra, i dati pub­bli­ca­ti dall’European Agen­cy for Fun­da­men­tal Right evi­den­zia­no che sono sem­pre i Pae­si del nord Euro­pa ad ave­re il mag­gior tas­so di mole­stie ses­sua­li con la Ger­ma­nia che ha tra il 60 ed il 79% del­le per­so­ne che dichia­ra­no di aver subi­to “sexual harass­ment” e la Sve­zia nomi­na­ta capi­ta­le del­lo stu­pro.

Ele­men­ti dai qua­li defi­ni­re una cor­re­la­zio­ne, come inve­ce avvie­ne, tra rea­ti a sfon­do ses­sua­le e la recen­te onda­ta migra­to­ria appa­re dav­ve­ro arduo. Pare infat­ti che la “cul­tu­ra del­la vio­len­za car­na­le” non sia un feno­me­no impor­ta­to in Ger­ma­nia ma che vi sia ben radi­ca­to come, ad esem­pio, duran­te l’Oktoberfest even­to duran­te il qua­le si sti­ma che il nume­ro di vio­len­ze che acca­do­no arri­vi a 200, ed anche noi ita­lia­ni, ahi­mè, non abbia­mo com­por­ta­men­ti vir­tuo­si all’estero. Dati, dispo­ni­bi­li in Rete, che qua­lun­que buon giornale/giornalista dovreb­be tene­re asso­lu­ta­men­te in con­si­de­ra­zio­ne pri­ma di affron­ta­re que­sti temi di gran­de impat­to emo­ti­vo e socia­le.

Asso­lu­ta­men­te con­di­vi­si­bi­le la rifles­sio­ne al riguar­do di Mas­si­mo Man­tel­li­ni quan­do scri­ve che “I gior­na­li ita­lia­ni [tut­ti o qua­si] han­no gio­ca­to col fuo­co di temi fon­da­men­ta­li per le demo­cra­zie occi­den­ta­li come quel­li dell’immigrazione, del­la soli­da­rie­tà, del­la reli­gio­ne, del­la digni­tà del­le don­ne, esat­ta­men­te come Il Gior­na­le e Libe­ro gio­ca­va­no con l’appartamento di Fini a Mon­te­car­lo o con le veli­ne del caso Bof­fo”.

Trop­po spes­so si vie­ne richia­ma­ti, pour cau­se, all’insostituibile ruo­lo dei gior­na­li per le demo­cra­zie. È ora che una vol­ta per tut­te la stam­pa del nostro Pae­se si assu­ma tale respon­sa­bi­li­tà e ces­si que­ste cat­ti­ve pra­ti­che, da subi­to!

sexual_harrassment_in_the_eu_n

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social
About Pier Luca Santoro 3068 Articoli

Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

2 Trackback & Pingback

  1. Assistenza vocale: una questione di genere?
  2. Assistenza vocale: una questione di genere? La prefazione

Lascia un commento