Post-it

Una sele­zione ragio­nata del­le noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non per­dere. Si avvi­sa che a par­tire dal 26 gen­naio pros­simo que­sta rubri­ca sarà par­te inte­grante di Wolf e dun­que ver­rà pub­bli­cata gra­tui­ta­mente solo il vener­dì. Se non vole­te per­der­vela ABBONATEVI ora a con­di­zioni straor­di­na­rie.

  • La Fine di Wha­tsApp — Face­book annun­cia di aver rag­giun­to gli 800 milio­ni di uten­ti atti­vi nel mese per Mes­sen­ger ed anti­ci­pa una serie di novi­tà per il 2016 a comin­cia­re dall’addio al nume­ro di tele­fo­no per il suo uti­liz­zo. Soprat­tut­to ven­go­no con­fer­ma­ti gli svi­lup­pi sot­to il pro­fi­lo com­mer­cia­le per lo shop­ping, la pre­no­ta­zio­ne di viag­gi e mol­to altro anco­ra. Impos­si­bi­le non rile­va­re come inve­ce Wha­tApp dall’acquisizione ad oggi non sia mai cam­bia­to e, soprat­tut­to, non gene­ra sostan­zial­men­te alcun rica­vo, ed anche se Mark Zuc­ker­berg affer­ma che: “Mes­sen­ger will beco­me a full plat­form with lots of fea­tu­res to help you do many things. Wha­tsApp will focus on sim­pli­ci­ty and just making mes­sa­ging and cal­ling bet­ter and bet­ter”, non è dif­fi­ci­le ricor­dar­si di Frien­d­Feed ed ipo­tiz­za­re che Wha­tApp abbia lo stes­so desti­no.
  • Edi­to­ri & Social — Chia­ra Cal­za­va­ra dopo 5 anni lascia il suo lavo­ro di digi­tal con­tent e social media mana­ger per Later­za e rac­con­ta del­lo scar­so inte­res­se del­la diri­gen­za per la sua area di lavo­ro con­clu­den­do che: “Esse­re un’artigiana del­la comu­ni­ca­zio­ne a me è pia­ciu­to e mi ha diver­ti­to: pro­get­ta­re testi per cana­li diver­si, gira­re e mon­ta­re video, repe­ri­re imma­gi­ni, crea­re gra­fi­ca, con­di­vi­de­re, rac­co­glie­re dati, misu­ra­re per­for­man­ce, inven­ta­re “cam­pa­gne” [rigo­ro­sa­men­te no-bud­get] e tut­to il resto. Alla lun­ga però, in una azien­da, si deve fare un “sal­to in avan­ti”, c’è biso­gno di pas­sa­re dal­la gestio­ne one-(wo)man-band alla crea­zio­ne un team, di coin­vol­ge­re pro­fes­sio­na­li­tà diver­se. In una paro­la di inve­sti­re sul­la comu­ni­ca­zio­ne per cre­sce­re”. Eh già…
  • Ana­to­mia del­la Disin­for­ma­zio­ne — È argo­men­to ricor­ren­te, ed argo­men­ta­zio­ne faci­le per gli struz­zi, la dif­fu­sio­ne di noti­zie fal­se, di bufa­le, in Rete. Un’analisi iden­ti­fi­ca l’anatomia del­la disin­for­ma­zio­ne par­ten­do dai tre ele­men­ti chia­ve: con­te­nu­ti, piat­ta­for­me e per­so­ne. Una matri­ce da appen­de­re in tut­te le reda­zio­ni.
  • Social & Recrui­ting - Lin­ke­dIn pub­bli­ca i risul­ta­ti del­la ricer­ca “Glo­bal Recrui­ting Talent Trends 2016”. La desk research, svol­ta su cir­ca 4 mila mem­bri di Lin­ke­dIn in 40 dif­fe­ren­ti pae­si, com­pre­sa l’Italia,  evi­den­zia la neces­si­tà di aumen­ta­re gli inve­sti­men­ti nell’employer bran­ding e  l’esigenza di valo­riz­za­re e con­ti­nua­re a man­te­ne­re i pro­pri talen­ti in azien­da. Anche in Ita­lia i social net­work supe­ra­no cac­cia­to­ri di teste e agen­zie spe­cia­liz­za­te per il repe­ri­men­to di talen­ti, di posi­zio­ni medio-alte. Moder­niz­za­zio­ne o effet­ti col­la­te­ra­li del­la cri­si?
  • Arab Digi­tal Rights — Ecce­zio­na­le lavo­ro di SMEX, orga­niz­za­zio­ne no pro­fit liba­ne­se, che ha pro­dot­to uno straor­di­na­rio data­set dei dirit­ti digi­ta­li nei Pae­si ara­bi con video, sli­des ed info­gra­fi­che.  Inol­tre è pos­si­bi­le scri­ca­re il det­ta­glio dei dati per cia­scu­na del­le tren­ta nazio­ni pre­se in esa­me. Cha­peau!
  • Da Fra­gi­le ad Agi­le — McKin­sey pub­bli­ca un pod­ca­st, con la tra­scri­zio­ne del testo, sui van­tag­gi del­la “agi­li­tà orga­niz­za­ti­va”. Un feno­me­no tra­sver­sa­le a qual­si­vo­glia settore/mercato e geo­gra­fia, non a caso si par­la di lean orga­ni­za­tion dall’inizio degli anni due­mi­la, da ormai 15 anni. La noti­zia pri­ma o poi arri­ve­rà anche ai publi­sher?
  • Veni, Video, Vici — Una ricer­ca su oltre 1 mil­lio­ne di post su Face­book, con­dot­ta tra luglio e novem­bre 2015, ha ana­liz­za­to uti­liz­zo ed effi­ca­cia nell’utilizzo dei video da par­te dei brand, del­le impre­se, sul social net­work del pia­ne­ta. Emer­ge come i con­te­nu­ti nati­vi sia­no deci­sa­men­te più effi­ca­ci rispet­to all’inserimento di video da altre piat­ta­for­me [You­Tu­be, Vimeo…etc.] ed infat­ti i video nati­vi domi­na­no asso­lu­ta­men­te essen­do uti­liz­za­ti nel 65% dei casi per le fan page. Bra­vo Zuck, ci hai fre­ga­to anche sta­vol­ta.

Parse.ly-Digital-Publishers-Most-Notable-Media-Trend-of-2015-Jan2016

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nel­la nostra pagi­na Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buo­na let­tu­ra.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3086 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento