Lo Stato dell’Editoria Italiana in 5 Grafici

Pocket

Gli 8 big hanno perso 2 miliardi di euro di ricavi in 5 anni, che rappresentano il 70% dei ricavi complessivi del settore editoriale italiano, i cui quotidiani rappresentano il 60% della diffusione cartacea nazionale e oltre l'80% di quella digitale. Emerge da un'analisi dell'ufficio studi di Mediobanca. Gli otto gruppi editoriali sono Mondadori, Rcs, L'Espresso, il Sole 24 Ore, Monrif, Caltagirone, La Stampa [oggi Itedi] e Class.

Fatturato 8 Big Editoria

In 5 anni il giro d'affari dei maggiori 8 gruppi editoriali italiani si è ridotto di 1,9 miliardi a 4 miliardi nel 2014, con 1,8 miliardi di perdite. Ma la redditività appare ora in miglioramento. Scende il peso della pubblicità [dal 35 al 31%], cresce quello della diffusione [dal 36 al 44%].

Ricavi Asv & Vendite 8 Big

Con la diffusione dei quotidiani scesa del 30% nel quinquennio, si riducono del 24% le edicole. Quanto all'occupazione, nel quinquennio il calo degli occupati è del 26,6% [negli 8 gruppi erano 18.180, diventano 13.346]. I giornalisti diminuiscono del 12.2% a 4.922 unità [di cui -33,6% estero], impiegati e dirigenti del 32,8% a 7.412 e operai del 34.5% a 1.012 unità. Tra il 2013 e il 2014 il calo totale è del 10,9% [di cui -3.9% all'estero]. Tra questi il calo dei giornalisti è del 5,2%, di impiegati e dirigenti del 14,3% e degli operai del 1.8%.

Ridimensionamento Forza Lavoro 8 Big

Complessivamente il loro fatturato aggregato si riduce del 4% rispetto a un anno fa portandosi a 1,8 miliardi, mentre solo il Sole 24 Ore vede una crescita del 3% dei ricavi. E oltre alle performance stabilmente positive dell'Espresso [22 milioni di euro], passa in utile nei 6 mesi anche Caltagirone (1 milione). Nel 2014 rispetto al 2013, poi, tutti i risultati sono in miglioramento: L'Espresso passa da un utile di 3,7 milioni a 8,5 milioni, La Stampa e Mondadori ritrovano l'utile [per 0.6 milioni], e gli altri riducono comunque sensibilmente le perdite nell'esercizio.
Ricavi Digitali 8 Big

Se poi Rcs ha la leadership per la diffusione dei quotidiani, che va all'Espresso considerando anche i quotidiani locali, Mondadori è il primo operatore nell'editoria libraria con il 38% del mercato [salvo diverse determinazioni dell'Antitrust sull'acquisizione di Rcs Libri] ed è il primo anche nei periodici, con il 31% del mercato [Cairo Editore non è stato esaminato in questo studio, avendo oltre la metà dei ricavi dall'attività televisiva].

Risultato Netto 8 Big

Il rapporto di Mediobanca contiene anche un'appendice dedicata ai principali editori di Germania, Francia, Spagna e Regno Unito. Come mostra il quadro sinottico sotto riportato, di 10 operatori presi in considerazione la metà ha un risultato netto negativo. Tra i cinque invece in attivo due, non a caso, sono stati al centro di trattative ed acquisizioni nei mesi scorsi.

Vedere la luce è assolutamente possibile ma c'è davvero ancora tanto lavoro da fare per arrivarci.

Quadro Economico 8 Big

Riepilogo Economico 8 Big

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3153 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: