Post-it

Una sele­zione ragio­nata delle noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non perdere.

  • Head of Social Media – YAM112003, agenzia specializzata in strategia,ideazione e realizzazione di contenuti e distribuzione multi-piattaforma del gruppo Endemol, cerca  Head of Social Media. Sono richiesti almeno sette anni di esperienza nella comunicazione digitale,  social media strategy e produzione di contenuti per progetti di respiro internazionale. Se avete la seniority richiesta pare un’opportunità davvero interessante.
  • Amazon – La piattaforma di pubblicazione di Amazon: Kindle Scout si espande a livello internazionale. Nonostante resti in lingua inglese è possibile sottoporre, e sperare di vedere pubblicato, il proprio lavoro da qualsiasi parte del mondo. Si, anche l’Italia.
  • Snapchat – Non più tardi di ieri segnalavamo il ruolo emergente di Snapchat come “outsider” di peso nel fiorente mercato pubblicitario dei video. Pare però che, come spesso avviene, non sia tutto oro quel che luccica. Infatti, secondo quanto riportato, il 70% degli utenti non supera i tre secondi di visione. Dati che, non solo per l’applicazione di social messanging, riportano alla ribalta il tema della viewability.
  • Ci Piace Grande – Statista pubblica i dati a livello mondiale sulle vendite dei televisori. Se nel 2009 poco più del 30% delle TV acquistate era di dimensioni superiori ai 40 pollici nel 2014 queste hanno superato il 60% del totale e le proiezioni da qui al 2019 parlano di oltre l’80% con una quota del 33% per gli schermi oltre i 49 pollici.
  • Il Mobile Adv Supera la Stampa – Negli USA, dove la quota dell’advertising digitale/online è quasi un terzo del totale mercato, gli investimenti sul mobile saranno il 16.6% e quelli sulla stampa [quotidiani e periodici] 15.8%. Fatto 100 il totale degli investimenti in mobile advertising più della metà sarà di Google & Facebook.
  • Bubblewashing – Paul Krugman, dalle colonne digitali del NYTimes, a distanza di 15 anni torna ad ammonire giornali giornalisti che, a suo avviso, hanno abdicato, rinunciato al primo dovere giornalistico: quello di raccontare i fatti. Difficile dargli torto vedendo la maggior parte delle prime pagine, ma non solo, dei quotidiani.
  • Media & Comunicazione – Oltre il 50% del tempo delle persone viene speso in attività legate ai media ed alla comunicazione. Percentuale che raggiunge il 70% nelle ore serali.

airbnb data

 

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.