Formazione Obbligatoria per Giornalisti

La formazione obbligatoria per i giornalisti è una delle [tante?] spine nel fianco dell’Ordine dei Giornalisti. Non solo l’idea della necessità di aggiornamento professionale è stata comunicata decisamente male ma anche la gestione in molti casi non pare ottimale. Leggendo i commenti sui social dei molti amici, o comunque contatti, giornalisti vedo spesso esprimere più di una perplessità su come vengono affrontati gli argomenti da parte dei docenti durante i corsi.

Nella mia esperienza per la formazione post-experience, per l’aggiornamento professionale per chi già lavora, le tradizionali sessioni frontali hanno scarso impatto e valore poiché coinvolgendo poco il pubblico creano un rifiuto anche nei confronti dei contenuti. In tal senso il learning by doing, l’imparare facendo, e l’applicazione di metodologie e tecniche “non convenzionali”  favoriscono la partecipazione e rendono possibile l’introiezione dei contenuti da parte dei discenti.

[slideshare id=9177933&doc=facciamocheioero-110908095647-phpapp01]

The Reportero Challenge è un gioco che pone le persone nel ruolo di un capo redattore di un  quotidiano di Tijuana, Messico, tradizionalmente schierato contro i cartelli della droga e la corruzione. Argomento per altro di estrema attualità visti i pericoli del mestiere in quel Paese che hanno portato recentemente alla creazione di MexicoLeaks, piattaforma di denuncia che garantisce l’anonimato.

Nel gioco, in inglese e/o in spagnolo, con 52 giocate corrispondenti ad altrettante settimane, vengono richieste prese di decisione sui differenti scenari proposti. Decisioni che hanno un impatto sulla credibilità del giornale, sulle sue vendite e sulla sicurezza del suo personale. Il gioco è funzionale all’insegnamento dell’etica giornalistica, della deontologia, ma anche alla gestione di un giornale ed all’impatto che determinate scelte hanno anche sotto il profilo economico.

È possibile ripetere il gioco scegliendo opzioni diverse per verificare direttamente il loro impatto ed esiste una guida al suo utilizzo per i formatori. Mi pare che con la giusta consapevolezza possa eventualmente essere utilizzato come strumento di auto-formazione.

Come si suol dire, faites vos jeux.

The Reportero

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.