Informazione & Disinformazione

21esima pun­tata di “In Media Stat Virus: I Media nell’Era di Twit­ter” dedi­cata all’insostenibile leggerezza dei luoghi comuni tra informazione e disinformazione.

Lo spunto per trattare il tema, che certamente meriterebbe ben più di mezz’ora di trasmissione radiofonica, è offerto da Il Resto del Carlino che lunedì 23 marzo tra tutto quello che succede nel mondo ed in Italia sceglie di dedicare la prima pagina – ed anche la seconda e terza – a quello che definisce l’allarme drogati del web.

QN-Resto-del-Carlino

Articoli dai toni deliranti che fanno un polpettone, un fritto misto di utilizzo della rete, videogames e social senza nè capo nè coda. Approfondendo si scopre infatti che il grande allarme sociale sulla questione sarebbe giustificato da uno studio del 2012 – che non si capisce come mai diviene meritevole di cotanta attenzione a tre anni di distanza – che identificherebbe per il 4.4% dei ragazzi europei, una assoluta minoranza, un utilizzo patologico di Internet.

Mentre il nostro Paese ha assolutamente bisogno di fare cultura, di favorire l’alfabetizzazione digitale, quella che è la principale testate dell’Emilia-Romagna non trova nulla di meglio da fare se non quello di generare allarmismi sul tema per concludere, al di là dei sensazionalismi dei titoli, che “In ogni caso, la ricerca in questo campo è solo all’inizio”.

Quale che sia il livello di informazione e disinformazione lo si desume, anche, dall’abbinamento che mostra lo screenshot dell’home page del quotidiano in questione che affianca la “notizia” [rigorosamente virgolettata] ad un altro tema di assoluta priorità informativa e giornalistica: la vita di un orango chiuso in una gabbia di polli.

Carlino Drogati Web

Nel pod­cast sot­to­stante, come d’abitudine, è pos­si­bile ria­scol­tare e, volendo, sca­ri­care l’intera puntata.

Si ricorda che “In Media Stat Virus: I Media nell’era di Twit­ter” con­ti­nuerà la pro­gram­ma­zione sino a giu­gno e sono asso­lu­ta­mente gra­diti sug­ge­ri­menti sui temi da affron­tare da qui ad allora. Sul ter­razzo di Radio Fujiko abbiamo alle­stito appo­si­ta­mente una pic­cio­naia allo scopo. In alter­na­tiva è pos­si­bile inte­ra­gire, anche, via Twit­ter uti­liz­zando l’hashtag   #imsv14  e/o men­zio­nando i due account @pedroelrey / @radiofujiko.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.