Spacchettare o Morire

Che i giornali siano morti è un’affermazione che abbiamo sentito fino alla noia negli ultimi 5 anni. La ricerca di “death of newspapers” fornisce 157milioni di risultati in 42 secondi.

google-newspapers-are-results

 

L’affermazione sull’inevitabilità dell’estinzione dei giornali si riferisce implicitamente alla versione cartacea degli stessi prevedendone invece un futuro sicuro, anche se con un percorso accidentato, per l’online/digitale. Futuro che, come noto, praticamente nessuno degli editori ha capito a fondo come rendere sostenibile economicamente.

Arrivano ora, pressoché contemporaneamente, due ricerche dagli Stati Uniti che aiutano a fare chiarezza sulle prospettive dei giornali.

Il primo: “The Infinite Dial 2015”, condotto da  Edison Research e Triton Digital tra gennaio e febbraio di quest’anno, analizza il rapporto degli Americani con le tecnologie digitali ed i “new media”.  Alla domanda “Tra Internet, giornali, radio e televisione, qual’è quello essenziale per la tua vita?” solo il 4% degli intervistati risponde positivamente per i giornali. Percentuale che cala ulteriormente al 3% in caso della ricerca di informazioni su eventi di particolare rilevanza come mostra il grafico di sintesi dei risultati sotto riportato.

Medium Used US

Il secondo: “How Millennials Get News: Inside the habits of America’s first digital generation”, condotto da the American Press Institute e the Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research, analizza il comportamento di consumo dei contenuti sul web da parte della generazione dei millennials.

La ricerca contiene numerose informazioni e vale assolutamente il tempo della lettura [e della riflessione].  Dello studio mi hanno colpito in particolare due aspetti. In primis quale sia l’idea di notizia ed informazione secondo gli intervistati, con le “hard news”, le notizie di cronaca solamente al settimo posto tra quelle seguite con regolarità, la politica nazionale in nona posizione e l’informazione economico-finanziaria terzultima.

L’altro aspetto, che si integra con i dati di Edison, riguarda le fonti utilizzate per approfondire un argomento, una notizia. In questo caso i giornali, siano essi di carta o meno, ottengo una preferenza risicatissima nell’ordine del 3% degli intervistati.

Millennials Topics

È evidente che una parte degli approfondimenti ricercati attraverso i motori di ricerca e Facebook approdi nuovamente alle testate online ma è l’idea di fonte d’informazione ad essere completamente mutata.

Ora grazie ai motori di ricerca, ed ai contatti in Rete, sui social, di cui ci fidiamo, cerchiamo l’argomento che ci interessa prima che la fonte, ed ovviamente non è difficile immaginare che a fronte di una preferenza talmente ridotta la disponibilità a pagare sia tendenzialmente nulla.

I gior­nali sono morti, come si pro­clama ormai da almeno un lustro, ma la que­stione non è se siano morti quelli di carta e quante spe­ranze, quante pos­si­bi­lità abbiano quelli digitali/online, è l’idea di gior­nale come pac­chetto mono­li­tico ad essere defunta e con essa i modelli di busi­ness che l’hanno carat­te­riz­zato negli ultimi 100 anni.

Non a caso David Carr [RIP], da fine analista quale era, già nel 2009 esortava ad inventare l’iTunes delle notizie. Invito che Blendle pare aver raccolto con successo ed al quale infatti si sono interessati alcuni tra i principali player internazionali quali il The New York Times Company e Axel Springer.

Spacchettare o morire.

newspapers death

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

CC BY 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
About Pier Luca Santoro 2575 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

7 Trackback & Pingback

  1. Giornalismo SEO | Alberto Puliafito
  2. Youporn è morto
  3. Il giornalismo non è morto. Online, fa di tutto per suicidarsi | Alberto Puliafito
  4. Informazione in Italia. Modelli di Business, Consumi, Professioni
  5. La Notizia sulle Notizie
  6. News Explorer
  7. Post-it - DataMediaHub

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti