L’Elezione di Mattarella & i Media

Pocket

Appuntamento settimanale di "In Media Stat Virus: Il Mondo dei Media nell'Era di Twitter" con una puntata dedicata al fatto mediatico della settimana per quanto riguarda il nostro Paese: l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Tema che abbiamo affrontato cercando di analizzare quale sia stato il trattamento informativo da parte dei media sia internazionali che nazionali.

L'analisi delle prime pagine dei principali quotidiani internazionali [di]mostra come il ruolo del Presidente della Repubblica sia di secondo piano politicamente ed infatti nessun giornale dell'emisfero gli dedica neppure un trafiletto in prima pagina.

Grandissima invece l'attenzione da parte dei media di casa nostra con le televisioni in primo piano a cominciare dalla maratona elettorale de LA7 dedicata in larga parte a ipotesi delle ipotesi, congetture delle congetture, per i primi tre scrutini. 28 ore di trasmissione basate sulla lettura del significato delle schede bianche. La diretta del nulla, il vuoto informativo più assoluto.

In generale il trattamento informativo segue lo schema applicato durante le dimissioni di Napolitano. Se per l'ex Presidente la sfilza di dettagli sul ritorno a casa ed il suo macellaio di fiducia non erano bastati, adesso sappiamo tutto del barbiere di Mattarella, della sua Panda e sul suo presenzialismo a tutte le riunioni di condominio. I media cercano di creare "L'effetto Bergoglio", di umanizzare [pour cause] i volti della politica, ma virano decisamente verso l'approccio alla Barbara D'Urso con buona pace del Presidente dell'Ordine dei Giornalisti che dopo essersi scagliato contro quest'ultima adesso tace consenziente.

Fortunatamente riesce a strapparci un sorriso meno amaro la prima pagina de "L'Osservatore d'Italia" uscendo decisamente dagli schemi.

OsservatoreItaliaI

Scarso il riscontro, e l'interesse, sui social per l'elezione di Mattarella con i quattro hashtag [#Quirinale2015, #Mattarella, #maratonaqurinale e #mattarellaPresidente] che complessivamente realizzano solamente 301mila conversazioni ed un numero non trascurabile di "fessacchiotti", circa 20mila, - incluse alcune testate - che segue e dialoga con l'account fake del neo Presidente.

PdRMattarella

Non va molto meglio per i giornali online che tengono la notizia in testa ai loro siti web per giorni interi senza suscitare alcun interesse da parte dei lettori, delle persone, come dimostrano i dati Audiweb, piatti, per alcune delle principali testate. Un chiaro segnale della distanza tra politici, media e persone.

Audiweb Mattarella

Nel pod­cast sot­to­stante, come d'abitudine, è pos­si­bile ria­scol­tare e, volendo, sca­ri­care l’intera pun­tata intervallata da musica scelta ad hoc, in tema.

“In Media Stat Virus: I Media nell’era di Twit­ter” con­ti­nuerà la pro­gram­ma­zione sino a giu­gno e sono asso­lu­ta­mente gra­diti sug­ge­ri­menti sui temi da affron­tare da qui ad allora. È pos­si­bile inte­ra­gire, anche, via Twit­ter uti­liz­zando l’hashtag  #imsv14 e/o menzionando i due account @pedroelrey / @radiofujiko.

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

About Pier Luca Santoro 3204 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: