Gruppi Editoriali: La Crisi della Pubblicità in 3 Grafici

Nuovo aggiornamento della nostra pubblicazione di grafici e dati aggregati dei bilanci di alcuni dei maggiori gruppi editoriali italiani. Dopo le puntate su Fatturato e Personale questa volta ci occupiamo di una parametro fondamentale nella lettura del quadro economico dell’editoria: i ricavi da pubblicità. [i gruppi presi in considerazione sono: RcsGruppo EspressoGruppo Editoriale MondadoriGruppo 24 OrePoligrafici EditorialeCalta­girone Edi­tore]

Secondo il recente rapporto della Fieg “La stampa in Italia 2011-2013 [uscito ad aprile di quest’anno, di cui abbiamo pubblicato la sintesi] il fatturato complessivo dei quotidiani e dei periodici, per quanto attiene l’advertising, in Italia è passato dai 1.588 milioni di euro del 2012 ai 1.252 milioni del 2013 con una flessione in un solo anno di 306 milioni, che percentualmente corrisponde a un meno 21,2 [fonte: Osservatorio Stampa FCP].

Noi in questa nostra prima raccolta di dati abbiamo focalizzato la nostra attenzione sui bilanci dei gruppi nel loro complesso quindi non solo nelle attività di editoriali relative ai giornali e periodici. Fatta, nuovamente, questa doverosa premessa, va detto che il dato aggregato dei sei tra i maggiori attori del mercato editoriale italiano conferma, in maniera ancora più evidente del rapporto Fieg, una tendenza al declino degli investimenti pubblicitari con una flessione tra il dato del 2009 e quello del 2013 anni del 31% e un totale che sfiora i 600 milioni di euro.

I due grafici sottostanti mostrano l’andamento generale negli ultimi cinque esercizi di bilancio dei sei gruppi presi in considerazione. Evidenziano l’andamento dei ricavi pubblicitari per ciascuno dei singoli gruppi sia in percentuale che in valori assoluti.

Si passa da un calo del 19% del Gruppo 24Ore al – 43% del Gruppo Mondadori; quello che percentualmente ha la tendenza peggiore. Il primo dei due grafici evidenzia la rilevanza di RCS Mediagroup e del Gruppo Espresso-Repubblica che da soli pesano oltre due terzi del totale a fine 2013.

È bene ricordare come, per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria, molti dei soggetti presi in considerazione operino come “concessionari” anche per testate, sia tradizionali che online, di terzi e quindi il calo coinvolga anche altri soggetti indirettamente relazionati.

pubblicitànew1 Per ingrandire a tutta pagina clicca sul grafico

PUBBLICITàNEW2

Per ingrandire a tutta pagina clicca sul grafico

Il terzo grafico è relativo alla variazione percentuale dei ricavi pubblicitari anno su anno: un andamento molto simile per tutti i gruppi che disegna un’”onda” quasi tutta compresa nella parte negativa del grafico, con una parziale ripresa tra 2010 e 2011 ed il nuovo calo negli anni successivi.

Dei circa 600 milioni di euro di raccolta pubblicitaria “bruciati” dal 2009 al 2013, 260 sono relativi alle perdite di fatturato dell’ultimo anno – pari all’85% del calo del totale mercato – con una tendenza che non accenna a rallentare la corsa al ribasso.

Per ingrandire il grafico a tutta pagina clicca qui

Gruppi editoriali- Ricavi Pubblicitari

Testata200920102011201220132009-2013var % 2013-2009
Gruppo Espresso496,90528,40534,70476,30403,0093,90-19
Gruppo 24 Ore187,60182,80171,80144,30128,0059,60-32
RCS709,70759,60730,90586,10476,00233,70-33
Caltagirone Editore160,65155,98139,86113,3898,3062,36-39
Poligrafici Editoriale103,23104,5298,0281,5965,7137,52-36
Gruppo Mondadori250,40233,90219,90172,90141,60108,80-43
Totale1.908,481.965,201.895,181.574,561.312,61595,88-31
Gruppi editoriali- Ricavi Pubblicitari RCS, Mon­da­dori, Gruppo Espresso, Sole 24 Ore, Poli­gra­fici Edi­to­riale, Cal­ta­gi­rone

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli altri articoli sullo speciali dei bilanci dei gruppi editoriali:

Gruppi Editoriali: il taglio del personale in tre grafici
Gruppi Editoriali: il crollo dei bilanci in sei grafici
Editoria: catalogo ragionato dei “tagli” in redazione

Foto del profilo di Lelio Simi

Lelio Simi

giornalista, content curator at DataMediaHub
Si è formato nella carta stampata [Mattina Toscana - l'Unità] dove è diventato giornalista professionista. Dal 2001 inizia a occuparsi di informazione sul web in una delle prime digital media italiane [Wayin]. Da diversi anni svolge l'attività di freelance occupandosi prevalentemente (sia nella stampa tradizionale che in quella online) dei temi legati all'innovazione, all'economia al sociale e alle nuove tecnologie. Di strategie e marketing editoriale scrive su pagina99. Come consulente da anni si occupa di progettare e gestire strumenti e contenuti per la comunicazione corporate. Ha tenuto per quattro anni un blog personale "Senzamegafono".
Foto del profilo di Lelio Simi

Latest posts by Lelio Simi (see all)

Foto del profilo di Lelio Simi
About Lelio Simi 88 Articoli
Si è formato nella carta stampata [Mattina Toscana - l'Unità] dove è diventato giornalista professionista. Dal 2001 inizia a occuparsi di informazione sul web in una delle prime digital media italiane [Wayin]. Da diversi anni svolge l'attività di freelance occupandosi prevalentemente (sia nella stampa tradizionale che in quella online) dei temi legati all'innovazione, all'economia al sociale e alle nuove tecnologie. Di strategie e marketing editoriale scrive su pagina99. Come consulente da anni si occupa di progettare e gestire strumenti e contenuti per la comunicazione corporate. Ha tenuto per quattro anni un blog personale "Senzamegafono".

1 Trackback & Pingback

  1. Hackathon su Media e Giornalismo in Italia

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti