Pure Players in Pura Perdita

Dopo i dati di alcu­ni dei prin­ci­pa­li edi­to­ri di quo­ti­dia­ni di ieri è oggi la vol­ta dei pure players, del­le testa­te d’informazione ita­lia­ne sen­za una cor­ri­spon­den­te ver­sio­ne car­ta­cea.

Clau­dio Plaz­zotta, per «Ita­lia Oggi», ha rac­colto i bilan­ci 2013 di «Lin­kie­sta», News 3.0 [«Lettera43»], «Il Post», Socie­tà Edi­trice Mul­ti­me­diale [«Bli­tz Quo­ti­diano»] ed «Huf­fing­ton Post Ita­lia».

Ad un anno di distan­za dal­la pre­ce­den­te ela­bo­ra­zio­ne, rela­ti­va ai dati del 2012, la situa­zio­ne nel­la sostan­za è cam­bia­ta dav­ve­ro di poco e, in alcu­ni casi è addi­rit­tu­ra peg­gio­ra­ta.

«L’Huffington Post Ita­lia» nel suo pri­mo anno di vita — lan­cio set­tem­bre 2012 — pro­du­ce meno di un milio­ne di euro di rica­vi ed altret­tan­ti di per­di­te nono­stan­te sia “ospi­ta­to” per­ma­ne­te­men­te all’interno del­la home page di Repubblica.it.

«Lin­kie­sta» non decol­la e spro­fon­da sem­pre più nel ros­so con voci ricor­ren­ti di mes­sa in liqui­da­zio­ne del­la socie­tà ed enne­si­ma rica­pi­ta­liz­za­zio­ne a cura di un nume­ro di soci di gran lun­ga infe­rio­re agli attua­li.

Anche le altre testa­te all digi­tal, ad ecce­zio­ne di «Dago­spia» per il qua­le però sia­mo fer­mi ai dati 2012, pur cre­scen­do nei rica­vi, che resta­no deci­sa­men­te mode­sti, il ros­so in bilan­cio è, ahi­mè, la rego­la.

C’è sicu­ra­men­te un pro­ble­ma di bran­ding in un Pae­se, il nostro, in cui l’informazione onli­ne in Ita­lia è domi­nata dal­lo stra­po­tere del duo­po­lio di Repub­blica — Cor­se­ra.

C’è anche un pro­ble­ma di posi­zio­na­men­to del­le testa­te che, ad ecce­zio­ne de «Lin­kie­sta» che però si è rita­glia­ta una nic­chia trop­po ridot­ta, più che com­pe­tere con i media tra­di­zio­nali, come avvie­ne anche in Gran Bre­ta­gna, sono loro allea­te. Non han­no posi­zio­na­men­to e con­te­nu­ti chia­ra­men­te distin­ti­vi se non mar­gi­nal­men­te.

C’è, anco­ra, un  pro­ble­ma di model­lo di busi­ness. È evi­den­te che spe­ra­re di soprav­vi­ve­re solo attra­ver­so la rac­col­ta pub­bli­ci­ta­ria non è ragio­ne­vo­le. I con­ti lo dimo­stra­no chia­ra­men­te.

Amen!

Testate All Digital

Dati x ‘000 di euro

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social
About Pier Luca Santoro 3067 Articoli

Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

2 Commenti su Pure Players in Pura Perdita

  1. Da qua­si due anni sono su Bla­sting News (aggiun­ge­rei: per come sta andan­do, per for­tu­na non solo lì) e sarei pro­prio curio­so di sape­re qua­le sia la sua situa­zio­ne!!!
    Ci dico­no che va sem­pre tut­to bene, eppu­re in 8 mesi ci sono sta­ti tre cam­bi di tarif­fa­rio (paga­no a visi­te in base agli argo­men­ti)… ok dicia­mo due, visto che quel­lo in vigo­re tra set­tem­bre e novem­bre 2013 era sta­to fat­to da ubria­chi mol­to pro­ba­bil­men­te (9–12 euro ogni 150 visi­te su assi­cu­ra­zio­ni e pre­sti­ti)… ora sia­mo a 30–60 CENTESIMI ogni 150 visi­te su tut­to: finan­za, cro­na­ca, tec­no­lo­gia, poli­ti­ca, gos­sip.
    La loro stra­te­gia è chia­ra: un capo­ra­la­to 2.0, rac­cat­ta­no chi pro­prio non ha alter­na­ti­ve, chi sa solo scri­ve­re (spes­so male, tra l’altro) e pub­bli­ca­no di tut­to sen­za fil­tro: arti­co­li non dop­pi o tri­pli, ma di più (guar­da­te su gos­sip, cel­lu­la­ri, lavo­ro: vago­na­te di post tut­ti sul­le stes­se cose), e pun­ta­re alle “impres­sion più bie­che”, qua­li­tà dei con­te­nu­ti qua­si nul­la nono­stan­te si inven­ti­no ogni tan­to qual­che novi­tà ai limi­ti del­lo spam come il nuo­vo siste­ma di fol­lo­wing, che già sta venen­do usa­to dagli stes­si arti­co­li­sti per seguir­si tra di loro visto che fol­lo­wer natu­ra­li qua­si non ce ne sono (e te cre­do, chi vor­re­be far­si riem­pi­re la mail di new­slet­ter su tele­no­ve­las, smart­pho­ne e simi­li?).
    Secon­do me sono qua­si alla frut­ta, visto che testa­te mol­to più qua­li­ta­ti­ve e note e che fan­no di cer­to più visi­te, pre­sen­ta­no bilan­ci come quel­li su espo­sti.

9 Trackback & Pingback

  1. Report sull'innovazione dell'editoria digitale 2014 | @Aghenor
  2. Gli Editori Tradizionali Nella Morsa Del Debito | Il Futuro dei Periodici
  3. Marco Alfieri parla di innovazione, ma cosa ha Linkiesta di innovativo? | Il diserbante 2.0
  4. Futuro Quotidiano
  5. Press obituary/4: Pure Player 2013 | NUTesla | The Informant
  6. Press obituary/4: Pure Player 2013 - Notizie
  7. Il giornalismo è morto: dai contenuti per far traffico, a quelli completamente falsi
  8. Crowdfunded Journalism. È la stampa bellezza - cheFare
  9. Crowdfunded Journalism. È la stampa bellezza - cheFare

Lascia un commento