L’algoritmo che censura le notizie?

Su LSDI.it Bernardo Parrella (bio) traccia un quadro delle modalità con le quali le notizie vengono aggregate e viralizzate da algoritmi automatici, dai giornali online ai social. Parrella parla di «un meccanismo che ci trasforma da semplici lettori in pedine del marketing online» e per larga parte ha ragione, anche se va detto che non necessariamente ciascuno di noi si limita a cliccare notizie che appaiono nel mainstream di facebook, oppure – meglio – siamo soliti utilizzare di frequente twitter, che invece permette sistemi di ricerca più efficaci. Ad ogni modo l’analisi di Parrella è molto interessante anche perché ricca di numerosi link e risorse aggiuntive. Eccola: La censura strisciante di algoritmi social e news pseudo-personalizzate | LSDI.

Follow me

Andrea Nelson Mauro

Data Journalist at Dataninja.it
Andrea Nelson Mauro, data jour­na­list. Vincitore dei Data Journalism Awards e dell'European Press Prize. For­mato nella cro­naca locale, fondatore di Dataninja.it, Datamediahub.it, Confiscatibene.it. Collabora con gruppi editoriali in Italia e all'estero, agenzie di data journalism in Europa, NGOs e Pubbliche Amministrazioni italiane. Folk della com­mu­nity SpaghettiOpenData.org e OpenDataSicilia.it
Follow me

2 thoughts on “L’algoritmo che censura le notizie?

  1. certo, twit­ter funziona meglio per ricerche manuali e trasparenti, meno invasivo, etc., ci sono altri strumenti minori per sfuggire alla filter bubble e ritrovare la ‘serendipita’ perduta’ (ie:
    http://www.chefuturo.it/2014/04/perche-e-importante-imparare-cose-la-serendipita-digitale-per-uninternet-davvero-cosmopolita/), ed altri e’ probabile ne arriveranno, ma il punto e’ che vanno smascherate queste pseudo-manovre opache e dannose per la cultura digitale e la liberta’ personale, ribadire che FB non e’ internet, che G controlla tutto, e quant’altro su temi di cui (soprattutto in italia) troppa gente non si cura o fa finta di ignorare, a tutto vantaggio di manipolatori pubblici e privati….un dibattitto a tutto campo che purtroppo e’ sempre mancato nel bel paese, grazie a tante complicita’ diffuse (media, politici, strutture, e-business, etc.)…thanks per il rilancio 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.