porno izle - porno

Social: Utilizzo e Traffico

L’Osservatorio New Media & New Internet del Politecnico di Milano ha presentato un paio di giorni fa i risultati della ricerca su  l’utilizzo e le prospettive di sviluppo dei media abilitati da internet.

Una parte dello studio si focalizza sui social, sulla loro penetrazione, l’utilizzo ed i comportamenti delle persone relativamente all’editoria tradizionale.

Tra gli utilizzatori di Internet del nostro Paese l’82% è iscritto ad un social network/media. La parte del leone, come noto, spetta a Facebook che raggiunge il 76% di iscritti tra gli utenti italiani della Rete. Analizzando il diverso grado di diffusione dei vari social è interessante notare come l’ultimo di questi sia Foursquare. La conferma, dalla mia prospettiva, di come badgification e pointification non siano elementi sufficienti di per se stessi per creare interesse ed engagement ma siano solo elementi del processo di gamification, di game design, che se mal congegnato, o assente, come evidente, non funziona.

Diffusione Social Italia

Quel che è ancor più interessante è l’effettivo utilizzo dei social ai quali si è iscritti. Anche in questo caso Facebook spadroneggia con un tasso di utilizzo nell’ultimo mese dell’86% [sempre+spesso] da parte di chi ha un proprio profilo sul social network più popoloso del pianeta.

Sempre dalle maglie di Zuck, seppure abbia una base di iscritti inferiore ad altri social, segue Instagram con il 36% degli iscritti che ne fa un utilizzo intenso. Un terzo, o più, degli iscritti a Google+, Twitter e Foursquare, sono iscritti ma non lo utilizzano praticamente mai. Twitter, in particolare, su questo ha un problema da risolvere.

Utilizzo Social Ultimo Mese

Per quanto riguarda direttamente l’editoria tradizionale, più della metà degli italiani iscritti ai social è fan/follower di almeno un media televisivo, editoriale o radiofonico.

Le fan page e gli account ufficiali degli editori più seguite sono quelle dei programmi TV [33%] e dei quotidiani [30%]. È elevata la percentuale di utenti che ormai legge le news direttamente dai Social Network ma solo nel 33% dei casi si accede poi – sempre o spesso – al sito dell’editore di riferimento per un approfondimento. La conferma, se necessario, che utilizzare gli account social come discarica di link nella speranza di dragare traffico al sito web non funziona, o comunque funziona solo in minima parte.

Su questo, sia sul 55% che segue un media tradizionale sui social che sul 45% che invece non lo fa, c’è da implementare un lavoro di ascolto, di analisi e ricerca per comprendere interessi e bisogni delle persone per poterli coinvolgere efficacemente. Si tratta di un compito non facile al quale è necessario dedicare risorse ed energie, in termini di sistemi, criteri di analisi e tempo dedicato, che dobbiamo assolutamente intraprendere il prima possibile; non ho dubbi al riguardo.

Frequenza Utilizzo Sito Da Social

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
About Pier Luca Santoro 2905 Articoli
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification. Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].

Commenta per primo

Lascia un commento