Posted on 31 luglio 2013 by Pier Luca Santoro

Modello di Business?

Il mio articolo di un paio di giorni fa su i conti delle testate pure digital italiane ha aperto un interessante dibattito sullo spinoso tema della sostenibilità dell’informazione, sulla ricerca di modelli di ricavo per il digitale ed in particolare per le pubblicazioni all digital.

Oltre agli interessanti commenti all’articolo, Massimo Russo, neo Direttore di «Wired» dopo una lunga esperienza lavoro in Kataweb, dal suo blog Cablogrammi, arricchisce il confronto sul tema con “Giornalismo, la difficile ricerca di modelli economici digitali” in cui fornisce l’aggiornamento a livello internazionale che [di]mostra che perlopiù anche al di là dei confini nazionali, nonostante una numerosità di pubblico potenziale decisamente superiore in realtà i casi nei quali vi sono ritorni economici degni di questo nome si contano sulla punta delle dita.

All’intervento di Russo si aggiunge quello di Marco Giovannelli, Direttore di «Varese News», uno dei pochi casi “virtuosi” nello sconfortante panorama generale, che fa il punto sulla questione osservandola dalla propria prospettiva, quella “glocal” delle testate, quale appunta quella da lui diretta, che fa di una specifica parte del territorio nazionale il proprio riferimento, affermando appunto che “il locale è un microcosmo interessante per comprendere meglio diversi fenomeni generali”, e che “il giornale deve essere strategico per il territorio. È nelle comunità di riferimento la sua forza, ben oltre i social o gli strumenti”.

Entrambi concordano che il binomio vendite-pubblicità non è, e non sarà mai più, un modello di business in grado di sostenere l’economia delle testate, siano esse all digital o meno, e che fondamentalmente si tratti di passare dal piedistallo allo sgabello per chi ha la capacità di guardare oltre i soliti, obsoleti, modelli di business.

Sempre Russo integra i sei punti chiave forniti nel precitato articolo partendo dalla segnalazione di un articolo di Jeff Jarvis secondo il quale la chiave di volta sta nella relazione con l’utente, con le persone, e con l’abile utilizzo dei dati forniti dalle stesse per profilare le scelte editoriali e costruire l’offerta pubblicitaria.

business_is_purpose

L’idea dei dati, o del big data come si usa dire attualmente, senza nulla togliere nè a Russo nè tanto meno a Jarvis, non è nuova.

Alan Rusbridger, editor-in-chief del «The Guardian», durante l’open weekend promosso dal quotidiano anglosassosone a marzo dell’anno scorso, chiedeva cosa le persone fossero disposte a dare ai giornali in cambio delle notizie, elencando come scelte possibili: soldi, tempo e informazioni.

Dopo il lancio ad aprile di Google Customer Surveys, soluzione disponibile anche in Italia, soluzione alternativa concettualmente al paywall che propone un breve questionario al quale il lettore deve rispondere per poter avere accesso all’articolo completo, come segnalavo all’epoca dell’esordio, arrivano ora altre proposte e soluzioni in tal senso.

E’ infatti sempre sulla raccolta di dati, di informazioni, che si concentra la proposta di Enliken, disponibile a breve, che pensa di utilizzare le informazioni richieste agli utenti per meglio profilare la comunicazione pubblicitaria online utilizzando i loro dati come forma di micro pagamento per avere accesso a contenuti informativi premium e/o per avere accesso a promozioni particolari.

Ed è, ancora, recente l’annuncio del «The Washington Post» che ufficializza come il il gruppo di lavoro, lo staff interno al giornale, dedicato ai sondaggi che ora diventa un servizio che sarà realizzato non solo ad uso e consumo del giornale ma verrà offerto ai propri clienti, alle aziende, andando a costituire un’unità di business indipendente, una nuova fonte di ricavo per la testata statunitense.

A febbraio di quest’anno The Pew Research Center’s Project for Excellence in Journalism ha pubblicato lo studio “Newspapers Turning Ideas Into Dollars: Four Revenue Success Stories”. Musica per le orecchie di questi tempi.

Seppure la desk research si focalizzi sull’evoluzione, di successo, di quattro testate tradizionali, nate dal cartaceo, nel difficile passaggio al digitale, le idee che emergono sono certamente d’interesse anche per i pure players digitali. Si tratta infatti di quattro casistiche molto diverse tra loro dalle quali, al di là delle specificità, emerge, si conferma, come non esista LA soluzione ma sia possibile trovare UNA soluzione specifica per ciascuna realtà.

Insomma non esiste un modello di business ma esistono, si possono ricercare e plasmare, dei modelli che nel loro insieme garantiscano ricavi apprezzabili.

lots_of_ideas_clustering

Bonus track: Sul tema vale la lettura l’articolo pubblicato da ANSO, Associazione Nazionale Stampa Online.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Copyright © 2013. All Rights Reserved.