Posted on 29 marzo 2013 by

Autorappresentazione & Condivisione dell’Informazione

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+20Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Le con­di­vi­sioni sui social net­work sono un ele­mento essen­ziale nell’attuale eco­si­stema dell’informazione. Non si tratta sol­tanto di un ele­mento di traf­fic buil­ding ma di un para­me­tro signi­fi­ca­tivo dell’interesse e dell’attenzione nei con­fronti della testata e degli arti­coli, dell’informazione della testata stessa. Le con­di­vi­sioni sui social net­work creano brand aware­ness, noto­rietà di marca, e costrui­scono fidu­cia, gra­zie al pas­sa­pa­rola online degli utenti sul valore del giornale.

Tema “caldo” del quale discu­te­remo al Festi­val Inter­na­zio­nale del Gior­na­li­smo di Peru­gia il 24 aprile pros­simo nel panel “Social [In]Ability” , di cui sarò il mode­ra­tore, in cui, tra l’altro verrà pre­sen­tata in ante­prima nazio­nale la ricerca dell’Osservatorio sulle Nuove Forme di Con­sumo di Infor­ma­zione e sulle Tra­sfor­ma­zioni dell’Ecosistema Mediale dell’Università di Urbino su come si infor­mano gli italiani.

Sul tema delle con­di­vi­sioni 33Across, piat­ta­forma per la con­di­vi­sione sociale dei con­te­nuti part­ner di 625mila edi­tori, ha pub­bli­cato i dati dell’analisi effet­tuata que­sto mese delle con­di­vi­sioni delle per­sone delle 500 prin­ci­pali fonti d’informazione negli USA sud­di­vise in 24 categorie.

Dalla sin­tesi dei risul­tati emerge una dif­fe­renza estre­ma­mente rile­vante tra gli argo­menti più con­di­visi dalle per­sone e quelli che invece sono di mag­gior inte­resse, più clic­cati. Se noti­zie di attua­lità, poli­tica, ma anche intrat­te­ni­mento e gos­sip, sono i temi più clic­cati è ciò che ruota intorno alla scienza, ad argo­menti scien­ti­fici quello che viene mag­gior­mente con­di­viso dalle persone.

Una dico­to­mia che si può spie­gare sola­mente con il desi­de­rio di auto­rap­pre­sen­tarsi in maniera diversa da come si è real­mente. Ten­ta­tivo di pre­sen­tarsi agli occhi dei pro­pri con­tatti pro­iet­tando un’immagine di se desi­de­rata, non reale.

Com­por­ta­mento aspi­ra­zio­nale, “wan­nabe”, che può essere uti­liz­zato per la dif­fu­sione di argo­menti spe­ci­fici sui social media ma che non porta traf­fico al sito web.

Condivisioni Temi

Update: Sul tema da leg­gere Andrea Con­tino e Luca De Biase.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+20Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page
Avatar di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Attualmente è temporary manager come social media editor de «La Stampa» . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Avatar di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca San­toro (see all)