Posted on 18 marzo 2013 by

Quotidiani e Twittersfera

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+8Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Marco Toledo Bastos ha con­dotto una ricerca sulla noti­zia­bi­lità all’interno della twit­ter­sfera  e sui flussi d’informazione dei prin­ci­pali quo­ti­diani inter­na­zio­nali nella piat­ta­forma di micro­blog­ging da 140 caratteri.

Per quat­tro mesi ha moni­to­rato la dif­fu­sione degli arti­coli dei prin­ci­pali gior­nali di Stati Uniti, Gran Bre­ta­gna, Spa­gna, Bra­sile e Ger­ma­nia. Su Polis, della Lon­don School of Eco­no­mics’ Media and Com­mu­ni­ca­tions Depart­ment, sono stati pub­bli­cati, anti­ci­pando i risul­tati defi­ni­tivi della desk research, i dati rela­tivi alle prime due set­ti­mane di otto­bre del 2012. I dati for­niti da Bastos sono il risul­tato del moni­to­rag­gio di 2.842.699 di arti­coli twit­tati nel periodo.

Nel com­plesso emerge come la quota di voce mag­giore sia dei gior­nali sta­tu­ni­tensi che pesano il 35% del totale, seguono quelli spa­gnoli con il 28% e gli inglesi con il 19%. Ai quo­ti­diani tede­schi va solo il 4% di share of voice, evi­denza di una bassa atti­vità gene­rale da parte degli stessi.

Tra le ela­bo­ra­zioni rea­liz­zate una delle più inte­res­santi riguarda la com­pa­ra­zione tra la quota di ven­dite della ver­sione car­ta­cea e la per­cen­tuale di noti­zie dif­fuse su Twit­ter. Rispetto alla quota di mer­cato nel pro­prio Paese tutti i prin­ci­pali quo­ti­diani con­si­de­rati, da «El Pais» al «The Guar­dian», pas­sando per «Die Welt» e «The New York Times», hanno una dif­fu­sione ed una quota di voce sulla piat­ta­forma di micro­blog­ging di gran lunga supe­riore alle ven­dite come mostra il gra­fico di sin­tesi dei risul­tati sottostante.

Dai dati non pare emer­gere un effetto traino sulle ven­dite di copie car­ta­cee dalla pre­senza su Twit­ter che invece sicu­ra­mente è fun­zio­nale per gene­rare brand aware­ness, noto­rietà di marca delle testate, e accessi al sito web.

Circulation Vs Tweets

I dati pub­bli­cati for­ni­scono anche la distri­bu­zione ora­ria, i client uti­liz­zati e le tipo­lo­gie di piat­ta­forme dif­fuse [mobile, desktop].

Ven­gono inol­tre ana­liz­zate la quota di voce com­ples­siva sulle testate prese in con­si­de­ra­zione, con «El Pais» a pri­meg­giare su «The New York Times» e «The Wall Street Jour­nal». E’ sem­pre il quo­ti­diano spa­gnolo, seguito dai due sta­tu­ni­tensi a pri­meg­giare per numero di ret­weet. Il volume di tweet sem­bra dun­que influen­zare diret­ta­mente la sua dif­fu­sione attra­verso gli utenti pre­senti su Twit­ter. Si tratta di un aspetto non tra­scu­ra­bile sia per quanto riguarda il modo con il quale le per­sone rice­vono l’informazione attra­verso i loro con­tatti che in ter­mini più stret­ta­mente promozionali.

Twittersfera

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+8Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page