Posted on 12 marzo 2013 by

Come Twitter Influenza il Giornalismo

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+10Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Nella mia rubrica per l’European Jour­na­lism Obser­va­tory sin­tesi e com­mento del white paper rea­liz­zato dalla gior­na­li­sta austriaca Nadja Hahn “What Good is Twit­ter? The Value of Social Media to Public Ser­vice Jour­na­lism” [A che cosa serve Twit­ter? Il valore dei social media per il gior­na­li­smo di ser­vi­zio pub­blico]. Ana­lisi tesa a mostrare come i social media pos­sono aiu­tare l’attività di emit­tenti di ser­vi­zio pub­blico, e più in gene­rale infor­ma­zione e gior­na­li­sti, e aggiun­gere valore ai loro rapporti.

Buona let­tura.

Utilizzo Social Media Giornalisti

Sem­pre in tema val­gono la let­tura i con­si­gli per le best prac­ti­ces di Twit­ter for News che ha ela­bo­rato una serie di sug­ge­ri­menti per twit­tare con suc­cesso. La guida: “Twit­ter Best Prac­ti­ces For jour­na­lists and new­srooms” si basa sull’analisi di oltre 150 gior­na­li­sti ed edi­tori su Twit­ter moni­to­rati per sei mesi e può essere uno stru­mento utile per chi ha meno con­fi­denza con il mezzo per aumen­tare numero dei fol­lo­wers e coin­vol­gi­mento degli stessi.

In rife­ri­mento alla spe­ci­fica realtà ita­liana infine, dà un qua­dro della situa­zione lo sto­rify rea­liz­zato da Carlo Felice Dalla Pasqua di un incon­tro del 7 marzo a Padova pro­mosso dall’ODG su “L’informazione ai tempi del web” il cui titolo “Epi­taf­fio per una cate­go­ria (o una pro­fes­sione)” la dice già lunga sulla questione.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+10Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page