Posted on 28 febbraio 2013 by

I Risultati Elettorali dei Quotidiani Online

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Dal mio per­so­nale ter­mo­me­tro attra­verso i gruppi di edi­co­lanti su Face­book pare che la noti­zia epo­cale delle dimis­sioni di del Papa non abbiano sor­tito un effetto sulle ven­dite dei gior­nali nelle riven­dite, poco meglio sem­bra sia andata anche per quanto riguarda i giorni delle elezioni.

Sono allora andato a veri­fi­care i dati Audi­web delle prin­ci­pali testate d’informazione online, non tanto per acqui­sire i valori asso­luti, la cui affi­da­bi­lità dovrebbe, final­mente, miglio­rare da set­tem­bre di quest’anno gra­zie alla rile­va­zione dell’audience in mobi­lità, quanto per vedere il trend, che al suo interno è omogeneo.

Se l’11 feb­braio, giorno dell’annuncio delle dimis­sioni del Papa, si nota un lieve picco rispetto alla media dei bro­w­ser unici dei quo­ti­diani online, è il secondo giorno delle ele­zioni, il 25 feb­braio, che si vede una vera e pro­pria esplo­sione sia dei bro­w­ser unici che delle pagine viste per quasi tutte le testate.

Stra­to­sfe­rico l’incremento per l’oligopolio dell’informazione online nostrana con Repubblica.it e Corriere.it che rispet­ti­va­mente schiz­zano da 2,7 e 2,4 milioni di bro­w­ser unici del 22 feb­braio a 5,5 e 4 milioni del 25 feb­braio. In fun­zione di un numero estre­ma­mente ele­vato di pagine viste, 86.8 milioni per Repub­blica, il tempo medio di per­ma­nenza sul sito web rag­giunge i 20 minuti per il quo­ti­diano diretto da Ezio Mauro e 18 minuti per quello di De Bortoli.

Elezioni Browser Unici Corriere Repubblica

Numeri, in valori asso­luti infe­riori, ma incre­menti anche in que­sto caso dav­vero impor­tanti, sem­pre a tri­pla cifra, per tutti gli altri quo­ti­diani online che regi­strano sem­pre una cre­scita vicina o supe­riore al rad­dop­pio del numero di bro­w­ser unici come nel caso di La Stampa, Il Sole24Ore, Il Fatto, Il Mes­sag­gero ed Il Gior­nale, che addi­rit­tura tri­plica, e L’Unità, che però tra i quo­ti­diani nazio­nali è la testata con i valori asso­luti più modesti.

Così non è invece com­ples­si­va­mente per i quo­ti­diani locali dove gli incre­menti, che pure vi sono, hanno un’entità deci­sa­mente più modesta.

Tra le testate all digi­tal, di cui Audi­web Report for­ni­sce i dati sola­mente di alcuni di loro esclu­dendo nel trend gior­na­liero Lin­kie­sta ed il Post, impen­nata di Huf­fing­ton Post Ita­lia il 25 men­tre Let­tera 43 addi­rit­tura cala quel giorno per invece, in con­tro­ten­denza rispetto a tutti gli altri quo­ti­diani online, cre­scere il 26. Come mostra il gra­fico di di sin­tesi sot­to­stante per entrambe le testate con­si­de­rate i numeri restano comun­que mode­sti rispetto alle ver­sioni online dei quo­ti­diani nazio­nali che hanno sem­pre supe­rato abbon­dan­te­mente [ad esclu­sione di L’Unità] il milione di bro­w­ser unici.

Elezioni Browser Unici HuffPost Ita e Lettera43

Com­ples­si­va­mente sono stati 18,2 milioni i bro­w­ser unici per le edi­zioni online delle testate car­ta­cee incluso il cir­cuito Quotidiano.net e l’insieme dei quo­ti­diani locali del Gruppo Repubblica-Espresso. Numeri supe­riori 4 volte alle ven­dite dei quo­ti­diani su carta ed ai dati Audi­tel dello stesso giorno che però a par­tire dalle 18.30 nella fascia 18.30–20.30 ha avuto un’audience di 23,8 milioni di per­sone per arri­vare a 30,6 tra le 20.30 e le 23.00; un dato non di troppo supe­riore a quello delle altre gior­nate se si esclude Men­tana che arriva a 3,3 milioni di tele­spet­ta­tori nel TG serale.

Se la gior­nata dei primi risul­tati elet­to­rali ha gene­rato pic­chi di traf­fico straor­di­nari per l’informazione online, frutto della ricerca imme­diata di noti­zie da parte del 30% della popo­la­zione ita­liana, fanno riflet­tere la for­tis­sima con­cen­tra­zione infor­ma­tiva con il 50% del totale dei bro­w­ser unici solo per i due “big players” ed i numeri ancora rela­ti­va­mente mode­sti delle testate solo online, chiaro segnale del valore del brand nato sulla carta che si tra­sfe­ri­sce all’online.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page