Posted on 10 settembre 2012 by Pier Luca Santoro

10 Strumenti per la Cura dei Contenuti

La content curation, l’atto di scoprire e presentare contenuti digitali, sta diventando sempre più popolare tra editori ed esperti di marketing in un ottica di brand journalism. Invece di concentrarsi sulla generazione di nuovi contenuti, la cura dei contenuti si concentra sul filtrare efficacemente i contenuti da una varietà di fonti e la consegna ai lettori in un modo visivamente accattivante e organizzata.

Ci sono diversi servizi di cura dei contenuti che consentono di creare riviste online con contenuti mash-up da siti web, blog, feed RSS, social media, e altre fonti online.

Qui di seguito una lista di 10 siti gratuiti per realizzare la cura dei contenuti che è possibile utilizzare per fornire contenuti per il pubblico per creare la propria rivista digitale o il proprio quotidiano. L’ obiettivo di fondo, è importante specificarlo, è quello di costruire una esperienza efficace e ridurre l’impatto dell’ overload di informazioni.

1. Bagtheweb

BagTheWeb aiuta gli utenti a curare i contenuti Web. Se si desidera salvare i migliori contenuti che si incontra durante la navigazione in Internet ed averne accesso in un secondo momento questa è una risorsa importante. Consente di salvare le pagine che trovate utili e utilizzarlo per riferimento personale o da condividere con gli altri.

Come suggerisce il nome, è possibile creare una “borsa” [“Bag The Web”] per qualsiasi argomento e raccogliere, pubblicare e condividere qualsiasi contenuto dal Web. Queste “borse” possono essere usate per molti scopi: per raccomandare i prodotti, per la condivisione di conoscenze tecniche, per la costruzione di guide di viaggio, ma anche per difendere una causa, e persino per l’organizzazione di una riunione o la preparazione di un discorso.

2. Pearltress

Pearltress è un servizio gratuito che consente di creare la mappa vivente del web. Lo scopo di questo è quello di poter facilmente salvare e recuperare contenuti interessanti che si trovano sul web. Il contenuto memorizzato viene organizzato e presentato all’utente in maniera visivamente accattivante ed possibile condividerlo con gli altri.

3. Collected

Collected è un servizio in cui facilmente raccogliere feed e fonti di notizie proprie e di altri su base giornaliera. È anche possibile esportare la raccolta a un nuovo feed che è possibile utilizzare nel vostro lettore preferito, come Google Reader, NetNewsWire [se usate un Mac], etc. Collected consente di raccogliere siti di news, feeds di twitter, flickr RSS, blog, o qualsiasi cosa che utilizza RSS, Atom o XML.

4. Trapit

Trapit è uno degli strumenti più nuovi con cui è possibile personalizzare la notizia che si legge on-line. Quanto più si utilizza il sito più cresce la conoscenza e la possibilità di ottenere raccomandazini su nuovi contenuti ai quali si potrebbe essere potenzialmente interessati Il processo attraverso il quale individuare il contenuto che interessa è un po’ diverso da altri, viene infatti data la possibilità di creare la propria”trappola”, il proprio contenitore di informazioni e notizie che viene così trasformato in base per tutti i contenuti di quel genere.

5. Themeefy

Themeefy è una bella piattaforma per scoprire, “curare”, compilare e pubblicare le informazioni dal web creando la propria rivista personale a tema. È possibile creare un account gratuito o, in alternativa utilizzare il vostro ID di Facebook o Twitter.

Themeefy permette di avere i contenuti web trasformati in una rivista alla quale può accedere chiunque tramite un unico URL. È molto facile da usare. È possibile creare la vostra rivista e pubblicare contenuti con l’aggiunta di link o caricare i contenuti dal computer.

6. Storify

Storify è probabilmente uno degli strumenti più noti, aiuta i suoi utenti a raccontare storie  raccolte dai social media come tweets, foto e video. Gli utenti possono cercare più social network da un luogo, e quindi trascinare i singoli elementi nelle loro storie. Si possono riordinare gli elementi ed anche aggiungere testi per comnsentire al lettore di contestualizzare megio. Storify è stato lanciato nel settembre 2010 ma è stato reso disponibile pubblicamente nell’aprile 2011, anno in cui e ha vinto la Startup Accelerator di Southwest nel 2011.

7. Paper.li

Paper.li, è un altro tra gli strumenti più noti e diffusi, è un servizio di cura dei contenuti. Permette di pubblicare una sorta di giornale sulla base di argomenti a loro piacere ed offrire a lettori e followers una selezione di notizie raccolte e link giornalieri. Richiede un account Twitter o Facebook per iscriversi e iniziare la pubblicazione che avviene raccogliendo, curando, le fonti dei contatti su uno di questi social network. È inoltre possibile utilizzare Paper.li per monetizzare il contenuto , offrendo abbonamenti a pagamento con la versione PRO.

8. Issuu

Issuu è un servizio gratuito che permette di caricare qualsiasi tipo di documento e farne una rivista. Con 52 milioni di lettori al mese, Issuu è una delle piattaforme in più rapida crescita dell’editoria digitale in tutto il mondo e un modo molto efficace per indirizzare il traffico al blog o al sito web della vostra azienda. Consente di raccogliere, condividere e pubblicare informazioni in un accattivante e user-friendly formato rivista digitale.

Grazie alla versione PRO può essere un modo molto efficace per gli editori minori per costruire il loro pubblico. Personalmente  ne ho sperimentato con soddisfazione l’utilizzo quando con l’amico Enrico Sbandi realizzammo un istant magazine per Miss Italia 2011.

9. Storination

Per creare in meno di un minuto uno storyboard curato di voi e, volendo, da altri.
Storination consente di creare comunità online, chiamata nazione, in cui le persone condividono le storie sociali sullo stesso argomento. Dopo aver aperto la vostra “nazione”, a organizzare il vostro Storyboard, uno spazio virtuale in cui chiunque può contribuire aggiungendo la propria storia da Storify.

10. Scoop.it

Scoop.it è un ottimo strumento per scoprire contenuti rilevanti per la propria nicchia, nonché per fornire contenuti ai lettori. Si può utilizzare la dashboard, il cruscotto, per recuperare i contenuti in base a filtri delle parole chiave o alla data da un numero illimitato di fonti, tra cui siti web, feed RSS, specifici account sui social media, e altro ancora. Scoop.it fa il resto e si fornisce esattamente il tipo di contenuto che si sta cercando. Scoop.it, nelle loro stesse parole, consente di “pubblicare facilmente riviste splendide”. Si tratta di un ottimo strumento per curation leva e, perchè no, per aumentare la propria visibilità se non si ha tempo per realizzare, ancora una volta per curare, un blog.

A margine, si segnala, consigliando ovviamente la lettura, l’elenco realizzato da Simplyzesty sui 10 migliori aggregatori di notizie: “The 10 Best News Aggregator Apps For Those On The Go”

Update delle 10.10: Su segnalazione di Rosaria Gagliano gli strumenti diventano, almeno, 10+1.

11. NextMags

NextMags, piattaforma tutta italiana, permette di creare in pochi facili passi una rivista. E’ possibile gestire i magazine realizzati  da solo o in gruppo, con i familiari, amici, colleghi o compagni di squadra. Diversi tipi di ruoli assegnati dall’amministratore permetteranno di gestire la creazione e la gestione collaborativa degli articoli.

E ‘ possibile pubblicare la/le riviste realizzate su Facebook, Twitter e altre piattaforme sociali, e renderli accessibili da tutto il mondo.

Ovviamente ogni ulteriore segnalazione, nello spazio dei commenti, è assolutamente gradita.

Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Foto del profilo di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Copyright © 2012. All Rights Reserved.