Posted on 2 settembre 2012 by

Dalla Badgification alla Gamification

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+2Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Essendo la gami­fi­ca­tion, l’applicazione dei mec­ca­ni­smi del gioco a con­te­sti non gaming quali il lavoro e, per­chè no, il gior­na­li­smo par­te­ci­pa­tivo, una pra­tica rela­ti­va­mente nuova, fre­quen­te­mente se ne con­fon­dono i mec­ca­ni­smi limi­tan­dosi a poin­ti­fi­ca­tion e bad­gi­fi­ca­tion.

La bad­gi­fi­ca­tion, pur sti­mo­lando il coin­vol­gi­mento delle per­sone con que­sto tipo di ricom­pense, se fine a se stessa, molto spesso rischia di creare aspet­ta­tive che poi restano vuote di signi­fi­cato, men­tre il valore aggiunto della gami­fi­ca­tion è quello di gene­rare emo­zioni posi­tive, eustress, come dice Jane McGo­ni­cal in “La Realtà in Gioco”.

E’ que­sto cer­ta­mente un limite di Four­square che uti­liz­zando sem­pli­ce­mente mec­ca­ni­smi di bad­gi­fi­ca­tion non for­ni­sce di fatto moti­va­zioni suf­fi­cienti alla persone.

A que­sto limite sup­pli­sce ora Land­lord, appli­ca­zione lan­ciata il 20 luglio scorso che tra­sforma Four­square in una sorta di gioco del Mono­poli. Con Land­lord si aqui­stano i luo­ghi dove si fa check in e si per­ce­pi­sce un affitto da coloro che dopo di noi vi segna­lano la loro pre­senza esat­ta­mente come avviene nel cele­bre gioco da tavolo.

Un esem­pio con­creto di come evol­vere dalla bad­gi­fi­ca­tion alla gamification.

- Le 4 Chiavi del Divertimento -

A mar­gine si segnala che pochi giorni fa Atari ha messo a dispo­si­zione gra­tui­ta­mente tutti i suoi gio­chi retrò, quali ad esem­pio Pong, Aste­roids o Brea­kout. E’ pos­si­bile gio­carli sia su inter­net che sca­ri­care la ver­sione per iPhone and iPad.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+2Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page
Avatar di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Attualmente è temporary manager come social media editor de «La Stampa» . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Avatar di Pier Luca Santoro
Social