Posted on 21 agosto 2012 by

Notizie Sociali

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

SO News è una nuova piat­ta­forma creata recen­te­mente di gior­na­li­smo partecipativo.

Chiun­que può for­nire il pro­prio con­tri­buto cari­cando il pro­prio arti­colo o segna­lan­dolo all’account su Twit­ter. Gli utenti, i con­tri­bu­tori pos­sono vedere le noti­zie in  tempo reale ed aggiun­gere il loro con­tri­buto, inte­grare le infor­ma­zioni per ren­derla mag­gior­mente det­ta­gliata e appro­fon­dita. La scher­mata sot­to­stante illu­stra la new­sroom, la reda­zione sociale con le due colonne di arti­coli ed i tweet ed una terza dei commenti.

Non manca il con­trollo di qua­lità delle infor­ma­zioni, asso­lu­ta­mente indi­spen­sa­bile per ini­zia­tive di que­sto genere, e cia­scuna noti­zia deve essere stata con­trol­lata almeno da due fonti diverse prima della pubblicazione.

Forte atten­zione alla tem­pe­sti­vità dell’informazione con un’impaginazione che pri­vi­le­gia la cro­no­lo­gia delle noti­zie rispetto alla gerar­chiz­za­zione delle stesse come nor­mal­mente avv­viene sia sulla carta che nel lay­out clas­sico dei siti web dei quo­ti­diani e delle fonti d’informazione. In testa, nell’header ven­gono evi­den­ziate le tre top “SOcial sto­ries” che hanno atti­rato il mag­gior inte­resse e gene­rato le mag­giori discus­sioni, il numero più ele­vato di commenti.

Ini­zia­tiva inte­res­sante e inno­va­tiva da seguire con atten­zione che, ahimè, ancora una volta nel pro­cesso di cro­wd­sour­cing tra­la­scia la parte rela­tiva alla co-remunerazione; aspetto che, come ho sot­to­li­neato a più riprese, non ritengo cor­retto poi­chè se l’impresa trae pro­fitto, diret­ta­mente o indi­ret­ta­mente, dai con­tri­buti for­niti è giu­sto che rico­no­sca una parte del valore creato a chi lo ha di fatto generato.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page