Pubblicato il 11 maggio 2012 by Pier Luca Santoro

Vendere L’Esperienza al Lettore

Il «The New York Times» forte degli ottimi risul­tati otte­nuti dalla ver­sione digi­tale rilan­cia con una cam­pa­gna pub­bli­ci­ta­ria tesa ad incre­men­tare ulte­rior­mente gli abbo­na­menti alla stessa.

Già la varia­zione dello sto­rico motto del «The New York Times», con le sette parole più famose del gior­na­li­smo ame­ri­cano che da “All the News That’s Fit to Print”, che da 115 anni capeg­gia nell’angolo in alto a sini­stra della prima pagina del gior­nale, si tra­sforma in “All the News That Was Fit to Print”sono un segno ine­lut­ta­bile del cam­bia­mento dei tempi e della muta­zione del ciclo delle noti­zie.

La cam­pa­gna pub­bli­ci­ta­ria, che secondo quanto riporta Poyn­ter dovrebbe essere pia­ni­fi­cata, tra gli altri, su «New York Maga­zine», «Giz­modo», «Bloom­berg» e «Salon», si con­cen­tra su quat­tro aree di con­te­nuti del quo­ti­diano: poli­tics, inven­tion, crea­ti­vity e rela­tion­ships. Tutti e quat­tro i sog­getti pun­tano sull’esperienza di let­tura come chia­ri­sce il claim “Expe­rience the dif­fe­rence bet­ween the news. And The New York Times.” teso ad evi­den­ziare la ric­chezza mul­ti­me­diale costi­tuita dall’insieme di ele­menti che il quo­ti­diano sta­tu­ni­tense offre.

Come spesso avviene in que­sti casi, la cam­pa­gna è asso­ciata ad un’offerta pro­mo­zio­nale di prova del quo­ti­diano a meno di un dol­laro per le prime quat­tro set­ti­mane di abbonamento.

Il ten­ta­tivo di dare un forte impulso alla rea­der­ship della ver­sione digi­tale del quo­ti­diano cer­cando di man­te­nere il trend di cre­scita del primo anno, che di fatto dif­fi­cil­mente potrà con­fer­marsi e che risolve solo in minima parte il pro­blema dei ricavi in ambito digi­tale come il calo di reve­nues dalla pub­bli­cità online regi­strato pro­prio dal  «The New York Times».

Se cer­ta­mente l’area digi­tale è in grado di dare un con­tri­buto al recu­pero con­tri­bu­tivo del gior­nale, sin ora, così come per il «Mail Online», si tratta di una goc­cia nell’oceano che com­ples­si­va­mente for­ni­sce un apporto modesto.

Nono­stante lo spunto crea­tivo di ven­dere l’esperienza al let­tore sia molto inte­res­sante la strada appare in salita ancora per lungo tempo.

Avatar di Pier Luca Santoro
Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Digital Marketing Manager @etalia_net | Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Avatar di Pier Luca Santoro
Social

Latest posts by Pier Luca San­toro (see all)

Creative Commons License
This work, unless other­wise expres­sly sta­ted, is licen­sed under a Crea­tive Com­mons Attribution-NonCommercial 4.0 Inter­na­tio­nal License.